365 giorni arriva su Netflix: il nuovo “50 sfumature” conquista l’Italia

0
819
365 giorni

365 giorni è il film più ricercato su Netflix degli ultimi giorni. Scene di sesso velate, con una forte carica erotica. Il film polacco, basato sul primo romanzo della triologia della scrittrice Blanka Lipińska, approdato sulla piattaforma streaming Netflix ha subito avuto un notevole successo. Una storia d’amore, se così possiamo definirla, unica nel suo genere. I protagonisti? Laura Biel e Massimo Torricelli, a cui prestano il volto Anna-Maria Sieklucka e Michele Morrone.

Ti consigliamo come approfondimento – Elisa di Rivombrosa: il grande ritorno della fiction più amata dagli italiani

365 giorni, la trama del film

Michele Morrone e Anna-Maria Sieklucka in una scena del film

Disponibile su Netflix dal 15 giugno, 365 giorni ha avuto un successo clamoroso, soprattutto se pensiamo che, al cinema, il film è riuscito ad incassare solo 9 milioni di euro. Adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Blanka Lipińska, 365 giorni è stato da molti paragonato a 50 sfumature. Alcune somiglianze sono dichiarate dalla stessa Lipińska, la quale ha ammesso di aver tratto ispirazione proprio dai romanzi della James. Ma 365 giorni presenta più scene di sesso e meno velate di quel che si nota in “50 sfumature”, sfiorando tra l’altro i limiti del trash, anche a causa di una trama un po’ stramba.

Il film presenta la storia “d’amore” tra Massimo Torricelli, mafioso appartenente a una grande famiglia siciliana di tutto rispetto e Laura Biel, manager polacca. Nelle prime scene, poco prima dell’omicidio del padre, in cui resta colpito anche Massimo, quest’ultimo incrocia lo sguardo di Laura, da cui resta ossessionato al punto tale da tenerne un ritratto nel salotto di casa. Cinque anni dopo Massimo, ormai leader della famiglia criminale, ritrova Laura, ottimo braccio destro per la sua azienda, in Sicilia. Lei è lì per festeggiare il suo 29° compleanno in compagnia del fidanzato e di una coppia di amici. Massimo, ancora ossessionato dalla donna, decide di rapirla e a suo nome di lasciare il compagno che intanto la tradiva.

Con la donna in suo potere, il giovane protagonista decide di stringere con lei un patto: per un anno la ragazza starà con lui e se entro 365 giorni lei non ricambierà il suo amore, sarà libera di andarsene. Senza via di uscita, Laura accetta.

Ti consigliamo come approfondimento – Google lancia Sodar, la realtà aumentata per mantenere le distanze

Un film dalla trama “poco costruita”

Fonte: facebook

Il film non è una sgradevole visione, ma non mancano i difetti di trama, come una prigionia che non ha senso di essere tale. Non in pochi casi, compaiono scene nelle quali si ostenta il lusso sfrenato della vita che conduce Massimo; altre, invece, presentano una dubbia etica. Di certo, il pathos creato dalle scene di sesso è ben fatto. Il vedo non vedo lascia spazio a una forte curiosità. Nelle scene di bondage, (che ricordano tanto la stanza rossa del giovane imprenditore Christian Gray), ritroviamo Massimo, che alla fine scopriamo avere un animo romantico, o quasi (in molti sembrano dimenticare abbia rapito Laura).

Ti consigliamo come approfondimento – Netflix annuncia Summertime, il reboot di Tre metri sopra il cielo

I sequel del film

365 giorni
Michele Morrone e Anna-Maria Sieklucka in una scena del film

365 giorni non è che il primo film tratto dalla triologia. Con un finale aperto, o meglio apertissimo, dovrebbero aggiungersi due sequel. “This day” e “Another 365 days” andrebbero quindi a chiudere il racconto. Due film che a quanto pare sono già in fase di lavorazione. Anche nei sequel dovremmo ritrovare Michele Morrone e Anna-Maria Sieklucka, riconfermati anche grazie alla buona chimica espressa sullo schermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here