Matrimoni, l’idea solidale: “Dona l’abito da sposa a chi non può comprarlo”

0
461
abito da sposa donare

Abito da sposa donare: si tratta dell’iniziativa solidale nata a Taranto per aiutare il mondo dei matrimoni ed in particolare le spose in difficoltà. L’appello è indirizzato alle donne sposate e al loro abito “indossato solo una volta”. Un modo per riutilizzare un vestito e rendere speciale il giorno di una nuova sposa. 

Ti consigliamo come approfondimento – Matrimoni in Campania, protocollo per la ripartenza: vaccini non obbligatori

Abito da sposa donare: l’iniziativa del Comune di Taranto 

matrimoni ripartenza, ripartenza matrimoni campania, abito da sposa donare A lanciare l’appello è l’assessora ai Servizi Sociali, Gabriella Ficocelli. “Vogliamo lanciare una iniziativa a favore di quelle donne che non hanno la possibilità di acquistare l’abito da sposa. E allora chiediamo di donare l’abito che hanno indossato una sola volta a chi non può affrontare quella spesa. Quante vorranno aiutarci potranno portare l’abito nunziale in Piazza Catanzaro n. 66 Centro Polivalente dei Servizi Sociali. Il mercoledì dalle 15 alle 17. Grazie a quante vorranno donare.” L’idea è stata lanciata nell’ultima riunione della Regione Puglia. Sono esposte inoltre le diverse iniziative per supportare il settore del wedding e permettere una ripartenza in sicurezza. 

Ti consigliamo come approfondimento – Scuole, matrimoni e spostamenti regionali: è in arrivo il tampone salivare

Abito da sposa donare: la risposta sui social 

Ripartenza matrimoni 2021, abito da sposa donare Le reazioni a questa iniziativa solidale non si sono fatte attendere sui social. La maggioranza degli utenti si dice entusiasta dall’idea. Tuttavia in molte si dicono riluttanti a separasi dal proprio abito, preferendo “fare una donazione economica”. Alcuni utenti dichiarano invece di averlo già donato subito dopo il proprio matrimonio. “46 anni fa quando mi sono sposata, l’ho subito donato a chi non aveva la possibilità di acquistarlo. A tanta distanza ne sono ancora convinta e felice di averlo fatto.” L’iniziativa ha inoltre l’obiettivo di spingere le altre regioni a seguire il buon esempio. L’amministrazione l’ha definita come “una bella notizia. Darà nuovo slancio a uno dei tanti settori che la pandemia ha messo in ginocchio.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × uno =