Sentenza aborto negli USA: interviene il ministro della Salute Speranza

0
48
Aborto sentenza Speranza

Aborto sentenza Speranza: in merito alla vicenda della sentenza della Corte Suprema americana è intervenuto il ministro Speranza. Nel frattempo, da sette diventano quattordici gli stati che approvano la sentenza. Anche il mondo dello sport interviene sulla vicenda.

Ti consigliamo come approfondimento-Usa aborto negato, nella Lega esultano ma Salvini frena: “L’ultima parola è della donna”

Aborto sentenza Speranza: parla il ministro

speranza vaccini estate speranza farmaci, manifestazione no green pass novara,Bonus psicologico 2022 Speranza
Dal profilo Instagram del ministro Roberto Speranza

Sulla vicenda del diritto all’aborto abolito dalla Corte Suprema negli Stati Uniti è intervenuto anche il Ministro della Salute, Roberto Speranza. Il Ministro Speranza ha commentato la vicenda in un post su Facebook. Il post in questione riportava: “La sentenza della Corte suprema americana cancella mezzo secolo di battaglie per i diritti delle donne. Ci dice che non dobbiamo mai considerare un progresso come acquisito per sempre. Dobbiamo continuare a batterci ogni giorno perché non si torni mai più indietro.” La sentenza in questione riguarda l’abolizione della sentenza Roe approvata nel 1973. I singoli Stati americani saranno ora liberi di applicare le loro leggi in materia. Al momento gli Stati che hanno bandito l’aborto sono sette, ma nei prossimi giorni lo faranno altri sette. I primi Stati a abolirlo sono stati Kentucky, Louisiana e South Dakota.

Aborto sentenza Speranza: aumentano gli Stati

Vaccino Usa trump bloccato joe bidenL’abolizione dell’aborto potrebbe avvenire nella maggioranza degli Stati a guida repubblicana. Questi ultimi avevano già varato restrizioni durissime sull’interruzione di gravidanza. Potrebbero essere in tutto 26 quelli in cui l’aborto potrebbe essere bandito per sempre. Nel frattempo, non si ferma il flusso di manifestanti davanti alla Corte Suprema a Washington. Inoltre, a Denver, Atlanta, Chicago e Philadelphia si stanno svolgendo alcune manifestazioni. Ma anche ad Austin, in Texas, uno degli Stati in cui è già in vigore una legge estremamente restrittiva sull’aborto e che si avvia a vietarlo definitivamente nei prossimi giorni. Al momento tutte le manifestazioni si stanno svolgendo in modo pacifico. Tali manifestazioni sono rimaste pacifiche anche dove accanto ai dimostranti pro aborto sono scesi in piazza quelli pro-life che festeggiano la sentenza. Nelle prossime ore potrebbero aumentare le dimostrazioni e si spera che restano pacifiche. Le autorità americane sperano, infatti, che le manifestazioni non degenerino.

Ti consigliamo come approfondimento-Polonia contro l’aborto: migliaia di donne in protesta a Varsavia

Aborto sentenza Speranza: insorge il mondo dello sport

Sulla vicenda è intervenuto anche il mondo dello Sport americano. Infatti, è intervenuta Martina Navratilova, la leggenda del tennis. La Navratilova cita lo Stato creato da Margaret Atwood nel romanzo distopico Il racconto dell’Ancella per descrivere il passo indietro in tema di diritti fatto dagli Stati Uniti. Anche Lebron James ha commentato: “È una mossa fatta per potere e controllo”. L’attacco più duro è arrivato dalla calciatrice Megan Rapinoe. La calciatrice ha detto: “Sono molto furiosa. Serve un movimento virale come il #metoo. Lancio questa idea anche a tutti gli uomini che hanno beneficiato dell’aborto di una donna. Viviamo in un Paese che cerca di sgretolare ciò che abbiamo ricevuto in modo innato, ciò che abbiamo avuto il privilegio di avere per tutta la vita.” Anche Lewis Hamilton ha commentato: “Sono disgustato. Questa decisione colpirà le persone più vulnerabili: donne, persone di colore, membri della comunità Lgbtqia+”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 − 3 =