Addo figlio ‘e Peppe di Vincenzo D’Onofrio: una lunga storia di amore e tradizione

0
347
addo figlio 'è peppe

Pomigliano d’Arco, si sa, è una città ricca di cultura e di tradizione; una città dove la storia si intreccia ogni giorno con il presente riportando alla memoria antichi ricordi che sanno di amore e famiglia. Ed è proprio nell’amore per la famiglia che trova il suo seme Addo figlio ‘e Peppe del giovane pomiglianese Vincenzo D’Onofrio. Un accogliente ristorante situato nel centro storico di Pomigliano d’Arco, in via Vittorio Emanuele, dove ogni giorno si possono gustare le più speciali prelibatezze offerte dal mare.

Ti consigliamo questo approfondimento – Procida: alla scoperta dei fondali marini a bordo del sottomarino rosso

Addo figlio ‘e Peppe: dove amore per la cucina e per la famiglia si uniscono

Addo figlio ‘e Peppe La storia – e la tradizione – della famiglia D’Onofrio ha radici tanto antiche quanto affascinanti. La nonna di Vincenzo, la bella e forte Concettina – figlia di venditori di stoccafisso e baccalà fin dal 1800, incontra e si innamora di Vincenzino D’Onofrio. Insieme danno vita a ciò che diventerà la tradizione di famiglia: la pescheria. I due diventeranno genitori di una numerosa e affiatata famiglia, composta da otto figli, dove valori come amore, umiltà e onestà sono alla base di tutto.

La tradizione continua anche dopo Concettina e Vincenzino. Alcuni dei loro figli infatti decidono di seguire le orme tracciate, portando avanti l’attività con l’amore e la passione che li hanno sempre contraddistinti. Dei fratelli è Peppe (conosciuto sul nostro territorio come Peppe ‘o Pisciaiuol) che insieme a sua moglie Anna, ex insegnante, prosegue l’attività proprio nella pescheria che era stata di suo padre. Dall’unione di Peppe e Anna nascono Vincenzo e Pietro. Dei due figli ancora una volta è il primogenito a decidere di proseguire la tradizione di famiglia. Non si occupa però soltanto di pescheria, ma inaugura per la prima volta anche un ristorante. Proprio lì, di fronte alla pescheria avviata dai suoi nonni, aprendo Addo figlio ‘e Peppe!

Ti consigliamo questo approfondimento – Caffè Espresso Napoletano: arriva la candidatura a Patrimonio dell’Unesco

Il ristorante delle tradizioni familiari: intervista a Vincenzo D’Onofrio

Addo figlio ‘e Peppe
In foto Vincenzo D’Onofrio

Ciao Vincenzo, raccontaci un po’ di te e di come sei arrivato all’apertura del tuo ristorante.

“Ciao a tutti. Sono cresciuto in una famiglia da sempre dedita a questo lavoro. Già i miei bisnonni infatti si occupavano di una pescheria e questa tradizione è arrivata fino a me. La scelta di aprire un ristorante tutto mio nasce dall’esigenza di allargare la nostra offerta e di portare l’eccellenza dei nostri prodotti sempre freschi direttamente a tavola. Non ci è voluto molto per scegliere la location. Volevo infatti un posto che mi legasse emotivamente alla mia famiglia. E devo dire di essere stato fortunato perché l’ho trovato proprio di fronte alla pescheria di mio padre e che prima ancora era di mio nonno.”

Cosa contraddistingue la tua attività?

 “Sicuramente ciò che ci contraddistingue sono i prodotti sempre freschi e l’amore e la passione che mettiamo ogni giorno nel nostro lavoro. I nostri clienti possono scegliere di mangiare ciò che più gli piace tra le specialità offerte dal pescato del giorno. Ci teniamo a garantire sempre la massima qualità. A tal proposito, abbiamo disposto all’interno della sala un bancone con tutti i prodotti del giorno. In questo modo i clienti possono vedere e scegliere direttamente cosa mangiare.”

Ti consigliamo questo approfondimento – Pizza napoletana e forno elettrico: la rivoluzione che aiuta l’ambiente

Le più squisite specialità offerte dal mare

Addo figlio ‘e Peppe Quali sono le specialità che offri ai tuoi clienti e qual è quella più richiesta?

“Come vi dicevo poc’anzi, ciò che più ci contraddistingue è la freschezza dei nostri prodotti. Ed è questo ciò che offriamo ai nostri clienti e che, d’altra parte, i nostri clienti si aspettano da noi. Ogni giorno il pescato offre qualcosa di diverso, ma ciò che resta invariato è la bontà dei prodotti. In ogni caso posso dire che i nostri clienti amano mangiare piatti semplici e della tradizione, ma anche piatti più ricercati come per esempio le cruditè di mare.”

Qual è, secondo te, la ricetta del tuo successo?

“Fin dal primo momento ho voluto portare avanti la tradizione di famiglia. Ciò che da sempre ci ha contraddistinto, fin dalle origini, e la semplicità e la genuinità, due elementi sempre attuali, soprattutto oggi. Noto infatti che molti dei nostri clienti amano proprio la semplicità e ciò che gli ricorda le proprie origini. Ed è proprio questo ciò che ci poniamo come obiettivo: poche ore in compagnia in un clima familiare.”

Ti consigliamo questo approfondimento – Moretti: i cioccolatini scomodi che fanno pace a Napoli

Addo figlio ‘e Peppe: qualità e genuinità al servizio dei clienti

Addo figlio ‘e Peppe Qualità e genuinità sono gli elementi che caratterizzano il ristorante Addo figlio ‘e Peppe dove ogni giorno il cliente può scegliere tra le specialità offerte dal pescato del giorno.

A occuparsi della cucina è proprio Vincenzo, che prepara con amore, per tutti i suoi clienti, pietanze a base di pesce sempre fresche e caserecce. Tra queste si distinguono le cruditè di mare e i primi piatti.

Ti consigliamo questo approfondimento – Cena afrodisiaca: quando la passione si “riaccende” a tavola

Per ulteriori informazioni:

Addo figlio ‘e Peppe Via Vittorio Emanuele n. 34, Pomigliano d’Arco (NA)

Pagina Facebook: Addo figlio ‘e Peppe

Tel.: 081/181.73.974 – Cell.: 333.97.27.834

Orari apertura: tutti i giorni da martedì a domenica, dalle ore 11:00 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 24:00. Lunedì chiusi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here