Adolescenti e sessualità: quanto influisce la pornografia?

0
742
adolescenti

In molti paesi e soprattutto in Italia di sesso e sessualità si parla ancora poco, soprattutto nelle aule scolastiche. I primi approcci per gli adolescenti, infatti, sono dati dai materiali pornografici che si trovano online e che possono risultare fuorvianti. Il pensiero di un’erezione lunga, il significato del consenso, possono essere decisamente mal interpretati, supponendo anche che ad affacciarsi in questo caso sono ragazzi di 13/14 anni.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19: con la pandemia cala il desiderio sessuale

Adolescenti: il tabù del sesso

adolescentiChe sia in ambito familiare o scolastico, per un adolescente è difficile parlare di sesso e sessualità. Eppure il sesso, già nelle analisi di Maslow negli anni ’50 era definito un bisogno primario. Quando parliamo di atto sessuale, parliamo di un aspetto fisiologico situato alla base delle necessità umane. Ciò non toglie che attorno il mero atto sessuale ci sia una storia. Parliamo di amore, passione, sensazioni.

Proprio per questo, il fatto che un adolescente si avvicini alla pornografia a 13/14 anni può portare a una percezione sbagliata di ciò che tratta la sessualità. Eppure la pornografia sembra essere la fonte primaria per la divulgazione di informazioni sul sesso. Ciò è stato confermato anche da Emily Rothman, docente dell’Università di Boston la quale ha condotto una ricerca intervistando liceali di 16 e 17 anni.

Ti consigliamo come approfondimento – Pornhub sale in cattedra: al via i video corsi di educazione sessuale

Pornografia e realtà: quali sono le differenze?

adolescentiApprocciarsi al sesso attraverso la pornografia potrebbe portare ad avere una percezione distorta dello stesso atto sessuale. Non c’è nulla di male a vedere un video amatoriale ma bisogna capire le differenze con la realtà. Lo scopo della pornografia, infatti, è far godere chi sta guardando. I milioni di video presenti sulle piattaforme mainstream presentano un sesso irrealistico e spesso incentrato sul punto di vista maschile. Solo negli ultimi anni il porno ha iniziato a esplorare la “consapevolezza femminile”.

Ciò che viene rappresentato è un qualcosa di meccanico. Inoltre spesso eiaculazione ed orgasmi sono finti. Si tratta di un tipo di sesso difficile da replicare sotto le lenzuola e poco fedele a quello che invece dovrebbe rappresentare per gli individui e soprattutto per gli adolescenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Porno ascoltato: guida completa alla nuova frontiera del sesso

Problemi sessuali adolescenziali: combatterli attraverso l’educazione

adolescenti
adolescenti

L’educazione sessuale, in particolar modo in Italia, è quasi del tutto inesistente. Può sembrare strano, ma a parlarne per primo è stato il colosso della pornografia mainstream Pornhub, con un canale online per l’educazione sessuale in cui diverse tematiche vengono affrontate da esperti.

Il problema, però, resta lo stesso: quanto un adolescente può e vuole informarsi sul sesso?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 4 =