Afghanistan, gare di solidarietà in Campania: ecco come aiutare i rifugiati

0
114
afghanistan donazioni

Afghanistan donazioni: la Protezione Civile della Campania sta ricevendo innumerevoli notifiche di solidarietà. I cittadini della Regione si stanno dimostrando pronti e disponibili per donare beni di prima necessità ai profughi ospitati presso l’Ospedale del Mare. Una vera e propria gara a chi ha il cuore più grande, indispensabile nei tristi momenti che la patria dei rifugiati sta vivendo.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli: profughi in arrivo dall’Afghanistan. Anche l’Arcivescovo si mobilita!

Afghanistan donazioni: ecco come contribuire al bene comune

regione campania kabul, Napoli Afghanistan profugo positivo,Come il resto d’Italia, anche la Campania ha accolto le persone in fuga dall’Afghanistan. I rifugiati si trovano attualmente presso il Covid Residence dell’Ospedale del Mare, in ASL Napoli 1. Le loro toccanti storie hanno mosso i cittadini della Regione a mandar loro dei ‘kit di sopravvivenza’. Si tratta di pacchi di indumenti, scarpe, giocattoli per bambini – viveri che vanno ad addizionarsi al vitto garantito dalla struttura. Per contribuire alle donazioni, basta far recapitare i beni all’Associazione Protezione Civile ‘Il Quadrifoglio’ di Ponticelli, sita nel Parco De Filippo. Seguono i prodotti richiesti: abiti per adulti e bambini, foulard grandi, gonne lunghe, tuniche, pantaloni leggeri larghi e sandali. Non verranno accettati indumenti usati e prodotti alimentari. La raccolta viene effettuata dalle 16 alle 19 dal lunedì al sabato. Il numero di telefono dell’Associazione è 388 3874980.

Ti consigliamo come approfondimento – Afghanistan, i Social Network si schierano al fianco dei cittadini afghani

Afghanistan donazioni: gli ultimi aggiornamenti

afghanistan talebani kabul,La situazione in Afghanistan continua a essere tragica. Solo nella giornata di ieri, l’attentato all’aeroporto di Kabul è costato la vita a cento persone. Alcune di queste erano soldati americani, sul posto per far continuare le evacuazioni. Stanno perdendo la vita anche giornalisti inviati di altri Paesi, come quelli del Regno Unito. Sono morti in seguito all’esplosione di un albergo, nel quale alloggiavano, per mano di un kamikaze. Kenneth McKenzie, il cado del comando centrale USA, ha affermato che Washington è pronta alla rappresaglia. “Ci aspettiamo che quegli attacchi continuino”, ha dichiarato al Washington Post.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici + tredici =