Aggressione ad una 16enne: presa a pugni da due 14enni. Presenti filmano la scena, ma non aiutano

0
526
aggressione 16enne

Aggressione 16enne picchiata da un gruppo di 14enni mentre era in centro a Brescia. Le due ragazzine incastrate da un video ripreso da uno dei presenti. Il filmato passato tra le chat è stato acquisito dalla Polizia. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, muore a 21 anni dopo intervento al seno: l’Asl chiude la clinica e apre inchiesta

Aggressione 16enne nel bresciano 

ragazza picchiata roma Ragazza denuncia molestie video, aggressione 16enne Succede nel bresciano, in uno sottopassaggio della zona. Aggredita una 16enne, che è stata presa a calci e pugni da due ragazzine di 13 anni. Presenti anche altri ragazzi, coetanei delle due accusate che hanno ripreso l’intera aggressione senza intervenire. Nei pochi secondi di video si capisce che le due accusate avevano preso volutamente di mira la 16enne. Si cercano di capire le dinamiche e i motivi che hanno portato all’aggressione. La Polizia ha acquisito il video ed ha avviato le indagini. Le due ragazze sono state accusate di lesioni gravi alla persona. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Morto Giorgio Napolitano, funerali di Stato e camera ardente fissata per domenica mattina

Aggressione 16enne: “Adesso tu le prendi” 

imprenditore stupra ragazza, aggressione 16enne La 16enne ha riportato diverse ferite sopratutto al volto. Nel volto si sente una delle due 13enni rivolgersi alla ragazza più grande e minacciarla. “Adesso tu le prendi”. La 16enne è stata scaraventata a terra e colpita con calci e pugni al volto e sul resto del corpo. La Polizia indaga anche sugli altri ragazzi presenti sulla scena che hanno assistito, ma non sono intervenuti. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Monza, un uomo non lascia accarezzare il cane e gli viene staccato l’orecchio a morsi

Aggressione 16enne: le dichiarazioni del sindaco 

Ragazza picchiata e stuprata, aggressione 16enne Il sindaco del comune, Pierangelo Lancellotti ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’accaduto. “Sicuramente l’episodio è grave ma non bisogna dargli troppa ridondanza né arrendersi. Stiamo parlando dei nostri ragazzi, occorre non mollare e continuare a fare rete. Le famiglie in questo hanno ruolo fondamentale e anche la scuola, le associazioni e l’amministrazione comunale possono contribuire a fare in modo che episodi come questo non si ripetano”.