Alessandro Gassman: “È morta oggi una anziana signora.” Pioggia di insulti sui social

0
150
Alessandro Gassman tweet morte regina

Alessandro Gassman tweet morte regina: il tweet dell’attore sulla morte della regina scatena una polemica. Molti i commenti di gente che lo insulta e lo accusa di non avere rispetto della donna più influente del Novecento.

Ti consigliamo come approfondimento-Sua Maestà la Regina Elisabetta II è morta, domani Carlo diventerà il Re

Alessandro Gassman tweet morte regina: polemica

Dal profilo Twitter dell’attore Alessandro Gassman

Bufera su Twitter riguardo alla morte della regina Elisabetta. Infatti, Alessandro Gassman ha postato un tweet sulla morte della Regina. L’attore romano ha scritto: “È morta oggi una anziana signora. Aveva una vita piena di responsabilità, vivendo in castelli e spostandosi a volte in carrozza. Mi dispiace per la sua morte, come mi dispiace per la morte di chiunque”. Dopo queste parole non sono mancate le critiche.  Alessandro Gassman avrebbe appreso la notizia della morte della Regina Elisabetta e avrebbe deciso di condividere un tweet dedicandole un pensiero. Con questo commento l’attore voleva probabilmente rendere omaggio alla regina. Parole che per alcuni nascondono un sarcasmo antipatico, fatto su una delle personalità più influenti del Novecento. Altri invece non hanno voluto leggere nel tweet di Gassman una mancanza di rispetto. Ovviamente Twitter si divide e si scatena una dura polemica.

Ti consigliamo come approfondimento-Scuolabus gratuito solo alle famiglie con un genitore italiano. Scatta la polemica

Alessandro Gassman tweet morte regina: duri attacchi

In molti hanno commentato il post. La maggior parte degli utenti si è detta amareggiata. Tra i vari commenti si legge: “Non è una semplice persona anziana, è un qualcuno che ha fatto storia. Si tratta dell’ultimo monarca di una storia che fu, piaccia o no. È come suo padre, che ha fatto la storia del cinema, ed altri che fanno lo stesso mestiere, no?” Altri invece invitano Alessandro Gassman a rimettersi sui libri: “Qualcuno regali ad Alessandro un libro di storia delle medie. Adesso che ha raccattato i cuoricini che agognava con la banalità del ‘semo tutti uguali’ magari gli dà un’occhiata. La prossima volta evita figure come chiamare anziana signora un Capo di Stato”. C’è anche chi dice: “Che brutto tweet per onorare una sovrana che nel silenzio e nell’ombra ha supportato tante decisioni storiche. Lo ritengo quasi denigratorio e offensivo”.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, si candida per lavoro di segretaria ma le propongono di fare l’escort

Alessandro Gassman tweet morte regina: odio sui social

Come spesso accade in queste situazioni non mancano i commenti ancora più inappropriati. Nel trovarsi in disaccordo con l’attore qualcuno ha decisamente esagerato scrivendo: “Ci penserà il karma”. Altri hanno anche commentato dicendo che sarebbe stata meglio la sua morte. Ovviamente, come spesso accade, l’attore se vorrà denuncerà gli haters. I “leoni da tastiera” sono in netto aumento e sempre più spesso utilizzano i social per sfogare le proprie frustrazioni individuali sugli altri. Trovarsi dietro uno schermo è legato a una sorta di “spersonificazione” dell’altro, oggetto dei nostri commenti. L’altro, dietro uno schermo, viene confuso con l’ambiente circostante, divenendo un oggetto e non una persona che prova sentimenti. L’odio non nasce online, ma è sempre esistito. Gli strumenti digitali hanno solo amplificato e aumentato la portata e diffusione. Adesso, chiunque dotato di un computer e una connessione a Internet può accedere a piattaforme in connessione con il mondo intero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 − 10 =