Giovane allieva ufficiale espulsa dall’Aeronautica: ha denunciato violenze

0
164
Allieva ufficiale espulsa dopo denuncia
Dalle pagine Facebook dell'Aeronautica Militare e da "Giulia j Schiff-Pilota"

Allieva ufficiale espulsa dopo denuncia di nonnismo e violenze subite. L’allieva ufficiale dell’Aeronautica Militare, Giulia Schiff, di 21 anni, è stata espulsa dopo aver denunciato nonnismo e violenze. La sentenza è stata emessa dal Consiglio di Stato, respingendo il ricorso della ragazza.

Ti consigliamo come approfondimento-Concorso Allievi Marescialli 2021: bando per 438 posti nelle Forze Armate

Allieva ufficiale espulsa dopo denuncia di violenze

Dalla pagina Facebook “Giulia J Schiff-Pilota”

L’ex allieva ufficiale Giulia Schiff è stata espulsa dall’Aeronautica Militare dopo aver denunciato episodi di violenze e nonnismo. La sentenza è stata emessa dal Consiglio di Stato, che ha decretato nullo il ricorso della ragazza sul provvedimento emesso dal Tar. L’ex allieva, di 21 anni, è stata condannata anche a pagare le spese processuali. La ragazza giudicò la sentenza come una vendetta per aver denunciato alcune violenze subite. Infatti, la ragazza durante il conseguimento del brevetto di pilota è stata sottoposta a pratiche giudicate violente e umilianti. La ragazza ha denunciato di essere stata immobilizzata, picchiata e gettata in una piscina. Inoltre, ha anche detto di essere stata spinta contro l’ala di un aereo. Per queste accuse furono accusati e processati otto sergenti, rinviati a giudizio con l’accusa di lesioni personali aggravate.

Ti consigliamo come approfondimento-Concorsi scuole militari: iscrizioni per Esercito, Marina e Aeronautica

Allieva ufficiale espulsa dopo denuncia: vano il ricorso

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanzaSubito dopo la denuncia la giovane allieva venne espulsa dall’Aeronautica Militare. Nell’immediato, la ragazza presentò ricorso attraverso i propri legali. La giovane fece notare che non vi era stata alcuna azione disciplinare contro gli autori delle lesioni. Inoltre, la 21enne ha denunciato che erano state aumentate le sanzioni nei suoi confronti. La sentenza emessa dal Consiglio di Stato ha escluso che ci siano state volontà ritorsive nei confronti della ragazza. La sentenza ha decretato che fatti in non possono essere assunti acriticamente come certi nel giudizio amministrativo. Il Consiglio di Stato ha motivato l’espulsione: “L’espulsione del sergente Schiff è conseguenza diretta dell’insufficiente voto in attitudine militare e professionale”.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 + 7 =