Alluminio, il pericolo nascosto: il Ministero della Salute lancia l’allarme

0
78
alluminio
fonte greenme.it

Dal Ministero della Salute arriva la conferma. L’alluminio che compone le tipiche vaschette alimentari e la carta stagnola nuocciono alla salute. Anche se le aziende produttrici si attengono alle normative, avvisando su un uso corretto dei prodotti, bisogna porre maggiore attenzione. Seppur in piccola parte, il metallo viene rilasciato negli alimenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Franken Bräu, allerta alimentare: la birra tedesca ritirata dal mercato

Alluminio, il contatto diretto col cibi è tossico

alluminio
Pierpaolo Sileri – Viceministro alla Salute. Fonte:dal web

Il Viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ha confermato la potenziale pericolosità dell’alluminio a contatto con i cibi. Dichiara: “Serve l’aiuto di tutti, perché un utilizzo sbagliato può nuocere alla salute“. L’allarme è stato inoltrato anche alla Commissione Europea affinché questa problematica sia posta nelle riunioni sulla sicurezza alimentare. L’inchiesta colpisce in particolare due prodotti: vaschette per alimenti e carta stagnola. Il pericolo consiste nel rilascio di particelle di alluminio all’interno degli alimenti.

Gli stessi produttori avvisano sull’uso sconsigliato per alcuni casi, ma recenti studi dimostrano che non basta essere attenti. Le analisi effettuate dal dipartimento di chimica dell’Università di Milano hanno dimostrato la migrazione delle particelle di alluminio negli alimenti durante la cottura. A quanto pare però, il fenomeno avviene a prescindere dai fattori di calore e pH del cibo. Ragion per cui, il Ministero lancia l’allarme su questa pratica di conservazione e trasporto degli alimenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Ghiaccioli nelle parti intime: la moda shock che allerta i medici

Alluminio nel cibo: lo studio del caso

alluminioCome ogni metallo, l’alluminio presenta tossicità. Per questo l’EFSA (European Food Safety Authority, cioè l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) fissa dei limiti massimi di tollerabilità. Il rapporto è: 1 mg di alluminio (simbolo Al) alla settimana per 1 Kg di peso corporeo. Quindi: una persona che pesa 80 kg non dovrebbe assumere oltre i 80 mg di particelle di alluminio alla settimana. Da questo dato si evince che i bambini sono la fascia più a rischio. Avendo un peso inferiore sono più sensibili all’intossicazione. Inoltre sono anche i più esposti: infatti spesso gli viene consegnata la merenda avvolta nella carta stagnola. Il rischio aumenta se, come già detto, i cibi vengono cotti. Ecco alcuni esempi emersi dalle analisi:

  • Il pomodoro delle lasagne preparate in casa, cotte in un recipiente d’alluminio, ha assorbito 0,486 mg/Kg del metallo;
  • Nel pesce cotto al cartoccio erano presenti 2.8 mg/Kg di Al.

Altre analisi sono state condotte su circa 40 prodotti preimballati comprati al dettaglio. Queste hanno evidenziato che il 96% degli alimenti contiene alluminio in diversa misura. Le quantità maggiori sono state riscontrate in:

  • Pane (1.9 mg/Kg);
  • Cioccolato (2.3 mg/Kg);
  • Spinaci (5.5 mg/Kg);
  • Cereali (6.1 mg/Kg);
  • Caffè (11.7 mg/Kg);
  • Sugo concentrato (13 mg/Kg);
  • (1234 mg/Kg – ovvero oltre 1 grammo ogni chilo).

A questo si aggiunge un’ulteriore problematica: in natura si assume alluminio anche da altre fonti, anche dall’acqua. Pertanto è facile superare la dose massima tollerabile dal nostro organismo.

Ti consigliamo come approfondimento – Digiuno: non è una giusta strategia per 5 motivi

Alternative all’uso dell’alluminio

alluminioNiente panico! Ecco alcune idee per sostituire i prodotti in alluminio così da salvaguardare non solo la salute ma anche l’ambiente:

  • Per conservare cibi in frigo meglio contenitori di vetro o plastica rigida (PET). Un altro rimedio naturale è avvolgerli in un panno trattato con cera d’api.
  • Stesso trattamento per il pranzo al sacco. Panini e snack possono anche essere trasportati in pellicola compostabile o nei nuovissimi contenitori in bambù.
  • Infine, per la cottura degli alimenti in forno si consiglia la cottura in pirofile di ceramica che ne esaltano il sapore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here