Molestie, oltre 200 denunce verso gli alpini. Anche da minorenni. La lettera: “Le penne nere non sono questo”

0
326
alpini molestie

Alpini molestie – Alpini in tribunale. Il primo raduno post covid degli alpini ha rivelato tante situazioni molto spiacevoli. Centinaia di denunce per il corpo. Catcalling, molestie, violenze, atteggiamenti squalificanti. Le testimonianze sono molte e stanno facendo indignare il web.

Ti consigliamo come approfondimento – Clienti molestano una cameriera, poi lasciano una lauta mancia. L’ira del ristoratore

Alpini molestie: le testimonianze del raduno

alpini molestieSiamo a Rimini, alla fine della cosiddetta “era covid”. Primo raduno dopo gli anni in cui l’evento nazionale non è stato possibile. Migliaia di feltri pennuti hanno invaso la città tra celebrazioni e goliardia. Forse troppa.

Il confine tra l’essere goliardici e l’essere molesti è, spesso, molto sottile. E in questo caso pare proprio che gli alpini abbiano passato il segno. Video e testimonianze di ragazze, donne, negozianti e albergatori hanno dimostrato un atteggiamento che, dal goliardico, è sfociato in veri e propri atti molesti.

Chi testimonia tentativi ubriachi di rimorchio, chi molestie, chi palpeggiamenti. Molti hanno pubblicamente offerto rapporti a pagamento a diverse ragazze. Anche palpeggiamenti e approcci fisici in pubblica strada. Il tutto accompagnato da risatine imbecilli, cori (da stadio più che da alpi) e fischi d’apprezzamento. E non solo donne adulte: molti casi sono avvenuti ai danni di ragazze minorenni.

Ti consigliamo come approfondimento – Stupro di gruppo, 35enne violentata, insultata e minacciata: “Sappiamo dove porti a scuola i figli”

Alpini molestie: le pubbliche denunce, il silenzio di Figliuolo e la furia di Guerini

Vaccino Covid Figliuolo, alpini molestieNelle ultime ore, video virali e commenti si diffondono nel web. Molti i commenti indignati sull’accaduto, sia di collettivi organizzati come Non una di meno, sia da giovanili politiche e sia da privati. “Uno mi ha palpata per strada. E potevo essere sua nipote per quanto era grande”, scrive una giovane sedicenne. “Stavo uscendo da un negozio, un alpino mi si è avvicinato dicendomi che ero troppo bella e che mi voleva accompagnare fin su a casa”, ha testimoniato un’altra giovane. Testimonianze che stanno facendo il giro del web.

Sono 250 finora le denunce finora arrivate. Il tutto mentre i vertici degli alpini tacciono. Anche il generale Figliuolo, raggiunto da alcuni giornalisti, non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione.

Dichiarazioni di fuoco, invece, sono arrivate dal ministro della difesa Guerini. “I comportamenti raccontati da alcune donne sono gravissimi”, ha affermato il ministro dem. “Episodi che certamente andranno accertati dagli organi competenti, ma che non devono essere sottovalutati”. Una condanna senza se e senza ma da palazzo Baracchini di episodi “all’opposto dei valori degli Alpini”. “È sbagliato generalizzare, ma allo stesso tempo non ci deve essere nessuna tolleranza. Le molestie e le violenze non devono mai trovare alcuna giustificazione e vanno condannate senza esitazione”.

Ti consigliamo come approfondimento – Madre stupra il fidanzato quattordicenne della figlia in Chiesa

Alpini molestie: i commenti, la lettera aperta di Michael

ragazza stuprata colloquio, alpini molestieSono centinaia le denunce, ma dei quattrocentomila alpini a Rimini, molti si sono indignati. Molte denunce riguardano cinquantenni, sessantenni e oltre. Ma alcuni scaricano la responsabilità sui giovani. Alcuni addirittura sulle ragazze e le donne.

Altri, invece, parlano di atti vergognosi che gettano discredito sul corpo. C’è chi responsabilizza i vertici di ANA (Associazione Nazionale Alpini), come Giovanni, 36 anni. “C’è una responsabilità morale dell’associazione organizzatrice e del corpo. E com’è possibile che le forze di polizia, presenti durante tutta la manifestazione, non abbiano visto nulla? C’erano Polizia di stato, carabinieri, penitenziaria, finanza e municipale”.

Anche un altro alpino, Michael Sommovigo, ha voluto lanciare una lettera aperta tramite lo spazio social dedicato dalla Federazione dei Giovani Socialisti. L’alpino in congedo, in una lettera molto commovente, non le manda a dire dalla pagina Facebook della FGS. La denuncia arriva direttamente da Non una di meno di Rimini, che dichiara oltre 200 segnalazioni tra molestie e catcalling. Mentre l’Associazione Nazionale Alpini risponde che nessuna denuncia è stata presentata alle forze dell’ordine e punta il dito verso esterni all’associazione”. Afferma con vigore che “le penne nere non sono questo” e che “abbiamo un dovere morale verso tutte le donne e tutti gli uomini”. Di conseguenza “non ci si può girare dall’altra parte”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × tre =