Attentato in Congo, morto il nostro ambasciatore Attanasio con la scorta

0
332
ambasciatore italiano morto

Ambasciatore italiano morto – la notizia è di questa mattina. Si tratta di Luca Attanasio, deceduto durante un attacco alle Nazioni Unite, Congo orientale. Vittime del sangue sono anche un carabiniere e l’autista della vettura sulla quale Attanasio si trovava. Di questi due ancora non si conoscono le generalità.

Ti consigliamo come approfondimento – Casa di riposo lager, quattro arresti: “Ti prendo a bastonate e t’ammazzo!”

Ambasciatore italiano morto: Luca Attanasio nel mirino

ambasciatore italiano morto
Luca Attanasio, fonte: YouTube

Non è stato un incidente di percorso, bensì un omicidio vero e proprio. Luca Attanasio era l’obiettivo fisso dell’attacco dei suoi carnefici, ed è diventato così un ambasciatore italiano morto. Tutto è avvenuto a Kanyamahoro, nell’est della Repubblica Democratica del Congo, durante un convoglio delle Nazioni Unite. Il rappresentante dell’Italia si trovava lì per una missione dell’ONU stessa, ovvero la stabilizzazione dello Stato. La fonte dell’accaduto è il PAM (Programma Alimentare Mondiale) del Paese, le quali testimonianze sono state diffuse dalla Farnesina. “L’ambasciatore ed il militare stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della Monusco, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica democratica del Congo”, questo è ciò che è riportato. L’auto è stata puntata dagli attentatori e Luca Attanasio è stato colpito da dei proiettili, morendo successivamente per le ferite. Le “armi leggere” avrebbero centrato anche i corpi dell’autista del mezzo e di un militare dell’Arma dei Carabinieri, entrambi deceduti. Non si conoscono ancora le loro identità, ma le indagini sono in corso.

Ti consiglio come approfondimento – Cutolo: domani funerali blindati per il boss. E c’è chi protesta

Ambasciatore italiano morto: la zona pericolosa

ambasciatore italiano mortoIl vero e proprio attentato è avvenuto alle nove di questa mattina (ora italiana) a circa 15km a nord della città di Goma. Scrivono le fonti locali: “La zona è ritenuta pericolosa a causa della presenza in particolare dei ribelli della Forze Democratiche per la liberazione del Ruanda (Fdlr) che tendono imboscate sulla RN4 a partire dal parco”. In queste ore sono ancora in corso delle verifiche di accertamento sul fatto. Si sta inoltre verificando se sono state coinvolte altre persone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 + dodici =