Antonella Cilento e la sua Napoli “donna” con Morfisa

0
167
Antonella Cilento

Informa Press ha avuto l’onore di incontrare a Pomigliano d’Arco, presso la libreria Wojtek, la scrittrice Antonella Cilento in occasione della presentazione del suo libro “Morfisa o l’acqua che dorme”. Antonella Cilento è autrice di romanzi e opere teatrali, oltre a essere una delle esponenti più importanti della scrittura creativa nazionale e internazionale. Nel 1993 dà vita a Napoli a “Lalineascritta Laboratori di Scrittura” e tiene corsi in tutta Italia e all’estero. È finalista del premio Strega e vincitrice del premio Boccaccio. Leggi anche: apre a Napoli la libreria dedicata ai Sud del mondo

Antonella Cilento e “Morfisa o l’acqua che dorme”

Antonella CilentoLa Cilento con la sua Morfisa condurrà il lettore in un lungo e appassionante viaggio attraverso i secoli, dove tradizioni, miti e magie si intrecceranno per rivelare “l’energia creativa di Napoli e delle donne”. Ecco le sue dichiarazioni.

Antonella, come è nata l’idea del libro?

Morfisa è nata dall’idea di raccontare una fetta della storia di Napoli e della storia d’Italia che non è mai stata narrata. Quindi racconta l’anno Mille e i secoli “dimenticatissimi” dell’Alto Medioevo che sono, in realtà, dei secoli di libertà per Napoli e per il Sud Italia. Per Napoli in particolare, di forza e di grande autonomia. Nel romanzo sono presenti figure femminili forti e capaci di rappresentarla. Un viaggio nell’energia creativa di Napoli e delle donne. Ma in generale nell’energia creativa di tutti noi. Ovunque siamo e a qualunque sesso apparteniamo. Quella fonte profonda che dimentichiamo e che Morfisa incarna, capace di superare qualunque difficoltà.

Leggi anche Presentazione libro: “Accontentarti? Mai”- Realizza i tuoi sogni

Antonella Cilento e i giovani appassionati alla lettura

A quale tipologia di lettore può affascinare o interessare il suo libro? Lei quando compone pensa, magari, a un lettore in particolare?

Beh, sai si pensa sempre a un lettore che abbia il tuo stesso tipo di letture, di passioni. Però ho scoperto, dato che “Morfisa” è uscita da diversi mesi, che appassiona molti ragazzi. Quindi nelle scuole viene letta con grande attenzione nonostante la complessità. E poi piace ai lettori di tutte le età e non soltanto alle donne come potrebbe sembrare. In realtà funziona con tutti i lettori che sono appassionati di letteratura e quindi cercano libri che parlano di altri libri anche.

Lei durante i suoi laboratori incontra tantissimi giovani, aspiranti scrittori. Ritiene che potranno portare avanti la tradizione della letteratura italiana?

Antonella Cilento

Sicuramente ci sarà una prosecuzione. La letteratura come tutte le arti non si ferma mai. Vedo tanti ragazzi straordinariamente abili, pieni di capacità. A volte un po’ insicuri per le difficoltà che in questo momento incontriamo. Però se si formano bene alla letteratura e lavorano, non c’è alcun dubbio: la tradizione della letteratura italiana prosegue, non c’è alcuna esitazione!

“Non c’è alcun dubbio: La tradizione della letteratura italiana prosegue, non c’è alcuna esitazione!”

Informa Press ringrazia Antonella Cilento per la sua grande disponibilità e gentilezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here