Aree marine protette: 27 tesori italiani tutti da scoprire

0
554
aree marine

La penisola italiana è un territorio ricco di biodiversità marina. Siamo in possesso di un patrimonio eccezionale: aree marine protette in cui trovano rifugio numerose specie vegetali e animali uniche al mondo.

Ti consigliamo come approfondimento – Mare e coronavirus, tutte le regole per un’estate sicura

Dalla Liguria alla Sicilia: le aree marine italiane 

aree marineL’Italia possiede 27 aree marine protette, 2 parchi sommersi e un Santuario per i mammiferi marini. Questo “tesoro liquido” si estende per circa 228.000 ettari di mare ed è circondato da 700 chilometri di costa.

  • La Liguria ospita 3 aree marine protette, tra cui quella delle Cinque Terre;
  • Friuli-Venezia Giulia e Toscana possiedono un’area ciascuna;
  • In Abruzzo, nella provincia di Teramo, spicca Torre Cerramo. Il panorama marittimo è circondato da dune di sabbia e costa selvaggia, visitabile con tour guidati o gite in bike trekking;
  • Nel Lazio, l’area delle Secche di Tor Paterno è caratteristica per l’assenza di coste. Si tratta infatti di un’isola rocciosa sommersa, con coralli e numerose specie di pesci.

Al sud, la varietà di aree marine è crescente, specialmente sul tacco dello stivale, tra le coste del Salento, e in Calabria con Capo Rizzuto. Tuttavia, il più alto numero è compreso tra:

  • Campania, con 4 aree: Regno di Nettuno, Punta Campanella, Santa Maria di CastellabateeCosta degli Infreschi e della Masseta. Ci sono anche 2 parchi sommersi;
  • Sicilia, con 6: Ustica, Isole Egadi, Isole Ciclopi, Isole Pelagie, Plemmirio e Capo Gallo Isola delle Femmine;
  • Sardegna, con 5: Isole dell’Asinara, Capo Caccia Isola Piana, Penisola del Sinis, Capo Carbonara e Tavolara Punta Coda Cavallo.
Ti consigliamo come approfondimento – Cibo da spiaggia: come restare in forma anche sotto l’ombrellone

La classificazione delle aree marine italiane

aree marineLe aree marine italiane sono istituite ai sensi delle leggi n. 979 del 1982 e n. 394 del 1991 con decreto-legge del Ministero dell’Ambiente. In tal modo, sono definiti i confini delle aree, il motivo e i gradi di tutela.

  • La “Zona A” (riserva integrale) si riferisce alla parte più importante dell’area. Qui non possono essere svolte attività che possano danneggiarla;
  • La “Zona B” (riserva generale) e la “Zona C” (riserva parziale) prevedono misure meno restrittive. È possibile fare visite guidate, sia in superficie che sott’acqua, rispettando l’ecosistema.

Esistono aree in cui il livello di biodiversità è altissimo e che ospitano specie rarissime da proteggere. Sono “Aree Specialmente Protette di Importanza Mediterranea” (ASPIM). Nel nostro Paese sono 11, tra cui il famoso “Santuario per i mammiferi marini”. Si tratta di un’area protetta in cui vivono diverse specie di cetacei.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus vacanze in arrivo dal 1° luglio, come funziona e chi può richiederlo

Il patrimonio marino campano 

aree marineLa Campania vanta alcune delle aree marine protette più belle d’Italia.

  • Nella Penisola sorrentina è stata istituita l’area protetta di Punta Campanella. Si tratta di una riserva con acque limpide, ricche di flora e fauna tipiche del mar Mediterraneo;
  • Il Regno di Nettuno, istituita nel 2007, comprende le isole di Ischia, Procida e Vivara. È parte del progetto di protezione del Ministero dell’Ambiente per preservare le specie marine ivi presenti;
  • In provincia di Salerno, spiccano le aree marine protette di Santa Maria di Castellabate e Costa degli Infreschi e della Masseta. Sono meta di turisti che amano passeggiare o praticare trekking.

Una citazione a parte meritano i due parchi sommersi della regione:

  • Parco Sommerso di Baia, a nord del golfo di Napoli, tra il comune di Baia e quello di Pozzuoli. I resti archeologici sono 5 metri sotto il livello del mare e fanno da sfondo a una piccola “Atlantide romana”;
  • Parco Sommerso della Gaiola, situato nel comune di Posillipo, dove convergono elementi vulcanologici, biologici e archeologici. Sui suoi fondali si trovano resti di porti e peschiere risalenti all’antica Roma. Inoltre, in pochi ettari di mare si sono insediate numerose specie marine tipiche del mar Mediterraneo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove + 2 =