Assalto Cgil: richiesta di domiciliari respinta per Fiore, Castellino e Lubrano

0
474
assalto cgil, roberto fiore domiciliari,

Assalto Cgil: domiciliari respinti per Fiore, Castellino e Lubrano. Secondo il Gip infatti gli indagati hanno commesso: “Delitti estremamente gravi” nei confronti delle istituzioni. Motivo per cui la richiesta degli avvocati difensori Carlo Taormina, Alessandro D’Aloisi e Nicolò Trisciuoglio è stata respinta. L’assalto dei leader di Forza Nuova e IoApro al centro del movimento No Vax andranno avanti per misura cautelare in carcere.

Ti consigliamo come approfondimento – Roma, manifestazione no green pass: attacco di estrema destra al Cgil

Assalto Cgil: la situazione degli indagati

Manifestazione no Green pass, assalto cgil,
Manifestanti contro il green pass a Roma.
Fonte: YouTube

Hanno preso d’assalto la Cgil entrando all’interno della sede romana. Questo il racconto delle immagini diffuse dagli stessi indagati. Fiore, Castellino e Lubrano hanno poi cercato di difendersi e di farsi difendere dagli avvocati. La loro richiesta è stato il cambio di misura cautelare: dal carcere ai domiciliari. Tuttavia il Gip ha respinto questa richiesta in quanto: “Autori di delitti estremamente gravi e protagonisti di un’azione di deliberato attacco alle Istituzioni”. Nulla di nuovo per Fiore, che anni orsono fuggì all’estero per evitare le conseguenze di un altro processo. Il leader attuale di Forza Nuova infatti era indagato per la storica strage di Bologna. Da terrorista nero a No Vax è un attimo.

Ti consigliamo come approfondimento – Assalto Cgil, Forza Nuova sciolta tramite decreto? Le ipotesi al vaglio del Governo

Assalto Cgil: la decisione del Gip

consiglio di stato, processo ciro grillo, assalto cgil,Oltre alle dichiarazioni fatte, il Gip, ha ovviamente anche espresso le sue motivazioni. Quest’ultime non puntano soltanto il dito verso i fatti ma anche verso le prove. Di fatto ad incastrare palesemente i tre ci sarebbero proprio i video mandati online dagli stessi indagati. “Le argomentazioni difensive non intaccano le accuse mosse agli indagati” si legge. “Queste sono cristallizzate invece in numerosi contributi video raccolti nel corso delle indagini”. Viene quindi indicata la detenzione in carcere come: “Unico presidio idoneo a salvaguardare le esigenze di contenimento e controllo del pericolo concreto, attuale e particolarmente allarmante di reiterazione di condotte altrettanto offensivo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × cinque =