Assegno unico famiglie 2021: ecco cos’è e a chi spetta

0
229

Assegno unico famiglie: il 6 aprile 2021 è pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n°46 del 1° aprile 2021. Essa istituisce l’assegno unico e universale per i figli a carico fino a 21 anni. L’obiettivo del provvedimento è quello di riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno delle famiglie. L’assegno unico dovrebbe partire dal mese di luglio 2021, in sostituzione di tutti gli attuali sussidi familiari. Di seguito maggiori dettagli e informazioni utili.

Ti consigliamo questo approfondimento – Speranza a rischio sostituzione da Draghi? Forse fuori dal Governo

Assegno unico famiglie: importo basato sul reddito

Assegno unico famiglieL’assegno unico e universale è un beneficio economico di cui le famiglie potranno usufruire per ciascun figlio dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età. In caso di maggiore età esso potrà essere erogato direttamente ai figli.

L’ammontare dell’assegno sarà modulato sulla base della condizione economica del nucleo familiare. Sarà calcolato, quindi, in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). Sono previste maggiorazioni per il secondo figlio e un aumento tra il 30% e il 50% in caso di figli disabili. Potranno essere erogati fino a 250 euro circa al mese.

L’assegno sarà, inoltre, compatibile con altre forme di sostegno, come il reddito di cittadinanza. Verrà riconosciuto sotto forma di credito di imposta o erogazione diretta della somma dovuta.

Ti consigliamo questo approfondimento – Governo Draghi, 20 aprile riaperture. Garavaglia: “2 giugno fine lockdown”

Assegno unico famiglie: requisiti

Assegno unico famigliePer poter ottenere l’assegno unico, bisogna possedere i seguenti requisiti:

  • essere cittadini italiani;
  • essere titolari di un reddito da lavoro dipendente a tempo indeterminato o determinato, autonomo o con partita Iva.

Per i cittadini stranieri, invece, è necessario:

  • avere il permesso di soggiorno (per soggiornanti di lungo periodo o per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno annuale);
  • versare l’Irpef in Italia;
  • vivere con i figli a carico in Italia;
  • essere stato o essere residente in Italia per almeno due anni (anche non continuativi); o essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata almeno biennale.
Ti consigliamo questo approfondimento – Draghi durissimo su Erdogan: “È un dittatore”. Turchia furiosa, è scontro

Assegno unico famiglie: le finalità

Assegno unico famiglieL’assegno unico ha lo scopo di offrire un supporto a tutte le famiglie con figli a carico. Con esso si intende favorire la natalità, sostenere la genitorialità e promuovere l’occupazione, in particolare femminile.

La sua istituzione semplificherà e contribuirà a incrementare le misure precedentemente esistenti a sostegno delle famiglie. Andrebbe, infatti, a sostituire aiuti come: bonus bebè, detrazioni figli a carico, bonus mamma, assegni al nucleo familiare, fondo di sostegno alla natalità.

Ti consigliamo questo approfondimento – Draghi conferma 6 bonus INPS senza ISEE: quali sono e a chi spettano

Assegno unico famiglie: pro e contro

Assegno unico famiglieSecondo i dati dell’Istat, l’introduzione dell’assegno unico determinerebbe differenti esiti a seconda delle condizioni di partenza delle varie famiglie.

Dovrebbe incrementare il reddito per il 68% delle famiglie italiane. Va infatti considerato che lo riceveranno tutte le famiglie, anche quelle dei lavoratori autonomi che non percepiscono gli assegni familiari e in genere per i redditi bassi. Finora la maggior parte dei sostegni alle famiglie sono stati legati al contratto di lavoro (dipendente) o a detrazioni (che non si percepiscono con livelli di reddito molto bassi).

Per il restante 29,7% delle famiglie gli aiuti economici diminuirebbero. Solo per il 2,4% non cambierebbe nulla.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − uno =