Assistenza gratuita alle vittime di violenza sessuale: arriva la sentenza rivoluzionaria

0
104
assistenza violenza sessuale

Assistenza violenza sessuale, la difesa legale è ufficialmente gratuita. Tutti gli organi di giustizia a partire dal 2021 garantiranno protezione alle vittime di stupro e stalking a costo zero. Una battaglia che ha avuto origine nel 2019 e che, finalmente, vede la luce del sole.

Ti consigliamo come approfondimento – Apple scende in campo contro il razzismo: ecco l’annuncio di Tim Cook

Assistenza violenza sessuale: non si guarda più nelle tasche!

assistenza violenza sessualeÈ una grande vittoria quella di donne, bambini e tutti i perseguitati: l’assistenza violenza sessuale non sarà più a pagamento. La Corte Costituzionale lo decide con una sentenza ufficiale: sarà lo Stato a provvedere alle spese legali. “La scelta effettuata con la disposizione in esame rientra nella piena discrezionalità del legislatore e non appare né irragionevole né lesiva del principio di parità di trattamento, considerata la vulnerabilità delle vittime dei reati indicati dalla norma medesima oltre che le esigenze di garantire al massimo il venire alla luce di tali reati”, è questa la conclusione del provvedimento giurisdizionale. Ciò avverrà a prescindere dal reddito dell’oppresso. Il volere di giudici e avvocati è quello di sensibilizzare la gente sull’argomento e difendere la libertà del singolo cittadino. Si darà, pertanto, un concreto appoggio alle vittime di violenza sessuale e stalking.

Ti consigliamo come approfondimento – Lisa Montgomery: l’unica donna nel braccio della morte giustiziata domani

Assistenza violenza sessuale: lo stalking

assistenza violenza sessualeLo stalking è la continua persecuzione fatta ai danni di una persona, tale da provocare stati di ansia, stress e paura. Viene influenzata anche la vita quotidiana della vittima, le azioni più semplici. Lo stalker (dall’inglese, camminare con circospezione) è colui, o colei, che invade la privacy altrui non solo di persona, ma anche attraverso messaggi, lettere, biglietti eccetera. Sono diffusi anche comportamenti quali atti vandalici, danneggiamento di beni e minacce. La molestia può terminare con il ferimento della vittima o con la sua uccisione. Sono state individuate cinque principali categorie di stalker:

  • Ex partner;
  • Adolescenti;
  • Molestatori sadici;
  • Psicopatici con disturbo borderline e/o schizofrenia;
  • Deliranti.

Inoltre l’Unità Analisi Psico Comportamentale dell’Osservatorio Nazionale sullo Stalking ha dichiarato che la metà dei persecutori ha vissuto un lutto o un abbandono di un affetto almeno una volta nella vita. Perdita mai elaborata correttamente.

Ti consigliamo come approfondimento – Manovra di Heimlich: come salvare la vita a bambini e adulti

Assistenza violenza sessuale: lo stupro e l’abuso

assistenza violenza sessuale
Assistenza violenza sessuale

Come detto, l’assistenza violenza sessuale gratuita serve da sostegno per le vittime. Ma esistono diverse tipologie di violenza sessuale. Prima fra queste, lo stupro: questo è un atto non consensuale completo, una vera e propria violazione fisica della vittima. Avviene se questa:

  • Non ha dato il proprio consenso al rapporto sessuale;
  • Ha dato il proprio consenso unicamente perché ingannata, obbligata o minacciata;
  • È incosciente, addormentata, incapace di intendere o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o alcol.

Negli Stati Uniti d’America, sono milioni le persone che hanno ammesso di essere state stuprate almeno una volta nella loro vita.

Vi è poi l’abuso sessuale: è il desiderio e consecutivamente la realizzazione, da parte di un elemento della coppia, di disprezzare l’altro e fargli del male. Sex toys dolorosi, insulti, il rifiuto di contraccettivi o la voluta trasmissione di malattie o infezioni: tutto ciò è compreso nella categoria.

Ti consigliamo come approfondimento – Ipazia Siracusa, arriva l’assistenza WhatsApp per donne vittime di violenza

Assistenza violenza sessuale e l’abuso su minori: come capire se è avvenuto?

assistenza violenza sessuale
Assistenza violenza sessuale

L’abuso sessuale, purtroppo, è diffuso anche nel mondo dei più piccoli. Prevede, da parte di un adolescente o adulto, diversi comportamenti che fanno male al corpo e alla mente dei bambini. Penetrazioni, materiale pornografico, masturbazione, incitamenti al compimento dell’atto sessuale sono solo alcuni degli aspetti di questo grave problema. Non tutti i bimbi, tuttavia, riferiscono di aver subito tali molestie. Come capire, allora, se sono stati violati? Secondo l’Istituto A.T. Beck, luogo in cui si studiano e applicano le terapie cognitivo comportamentali, basta osservare i seguenti modi di fare:

  • Il bambino ha paura, in particolare, di alcune persone o luoghi;
  • Risposte inusuali alla domanda “Sei stato toccato?”;
  • Disegni che ritraggono atti sessuali;
  • Variazioni improvvise di comportamento (per esempio, bagnare il letto);
  • Improvvisa consapevolezza di tutto ciò che è riconducibile al sesso;
  • Tentativi di ottenere comportamenti sessuali da parte di altri bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × cinque =