In autunno potrebbe aumentare la spesa per le famiglie: si raggiungerà 2500€ al mese

0
1079
Aumento prezzi autunno

Aumento prezzi autunno: dopo i rincari di agosto potrebbero aumentare i costi dell’energia e della spesa degli italiani. L’aumento riguarderà tutta Europa. Il Codacons calcola che potrebbe esserci un aumento di circa 2500 euro per famiglia

Ti consigliamo come approfondimento-Caro bollette: riscaldamento a -1° e i negozianti riducono l’orario d’apertura

Aumento prezzi autunno dopo quelli di fine agosto

Dopo il notevole aumento dei prezzi di agosto, la situazione potrebbe peggiorare. Infatti, negli ultimi mesi si sono registrati degli aumenti significativi. Basti pensare che il costo dell’energia è aumentata del 135% e la pasta del 62%. Ma l’aumento maggiore ha coinvolto i voli intercontinentali che sono aumentati del 175%.  In Italia i prezzi al consumo hanno registrato un aumento dell’8,4% su base annua e dello 0,8% su base mensile. Per il nostro Paese si tratta di un valore record: non si verifica un aumento del genere dalla fine del 1985. Nell’Eurozona l’aumento è stato del +9,1%. L’inflazione acquisita per il 2022 è pari a +7%. L’inflazione annuale dell’Ue è stata del 10,1% nell’agosto 2022. Bisogna pensare che un anno fa il tasso era del 3,2%.

Ti consigliamo come approfondimento-Taglio del consumo energetico del 5%: ecco quali elettrodomestici utilizzare e quando

 Aumento prezzi autunno: spesa alimentare

Il Codacons avrebbe messo analizzato l’impatto degli aumenti dei listini per trasporti, alimentari, ristorazione, turismo, comunicazioni. L’incremento più elevato si registra per i biglietti dei voli intercontinentali, le cui tariffe sono cresciute ad agosto del +176% su base annua. L’energia elettrica del mercato libero, invece, ha segnato un aumento mostruoso del +135,9%. Inoltre, i prezzi del carrello della spesa per le famiglie segnano un balzo del 9,6%. Infatti, ad esempio l’olio di semi è rincarato del 62,2% rispetto ad agosto del 2021, il burro del 33,5% e la pasta del 25,8%. Solo per il cibo, secondo il Codacons, una famiglia di 4 persone si ritrova a spendere oggi 786 euro annui in più a causa dei rincari registrati nel comparto alimentare.

Ti consigliamo come approfondimento-Caro luce e gas, nelle case popolari non si pagheranno gli aumenti: “Se ne farà carico la Regione”

Aumento prezzi autunno: aspetti vita quotidiana

donne shopping spesa intelligentMa la lista degli aumenti è, purtroppo, particolarmente lunga, e investe ogni aspetto della vita quotidiana dei cittadini. Per acquistare un’automobile usata occorre spendere in media l’11,1% in più. Gli elettrodomestici costano il 20,8% in più, mentre macchine fotografiche e videocamere aumentano del 23,8%. Per una notte in hotel il conto sale del 16,3%. Il comparto delle comunicazioni ha ritoccato al rialzo i listini: gli apparecchi per la telefonia fissa salgono del 19,2%, i servizi postali del 6,4%. Il Codacons ha calcolata la spesa delle famiglie in base ai consumi complessivi. Si calcola una maggiore spesa pari a +2.580 euro su base annua.

Ti consigliamo come approfondimento-Dal prossimo 1°ottobre aumenteranno le bollette. Ecco il perché

Aumento prezzi autunno: mangiare fuori casa

bar e ristorantiIl rincaro non risparmierà nemmeno chi sceglierà di andare a pranzo o cena fuori. Infatti, costerà di più mangiare al ristorante (+4,8%), ma anche optare per un pasto in pizzeria (+5,4%). Non va meglio se si sceglierà l’opzione più veloce: un hamburger al fast food o un take away sono saliti di prezzo del 5,2%. Si deve sborsare di più anche per un gelato o un dolcetto in pasticceria o una bibita ghiacciata al bar. In tal caso i rincari vanno dal 2,4 al 3,6%. E ora le associazioni di settore paventano ulteriori aumenti legati ai costi energetici: c’è chi ha iniziato a far pagare il servizio al tavolo.

Ti consigliamo come approfondimento-Ristoratore parla dell’aumento delle bollette: “Chiuderemo. Siamo al limite!”

Aumento prezzi autunno: corredo scolastico

napoli furto scuola, napoli scuola sciopero covidAnche Il ritorno sui banchi degli studenti rischia di tradursi in un salasso per i genitori. Alla vigilia della riapertura delle scuole, è stato tracciato il quadro dei rincari. Sulla base dei dati affluiti da oltre 350 negozi presenti in 9 regioni, si evidenzia una tendenza al rialzo per i prezzi di riferimento del corredo scuola. Dunque, prezzi in salita per quaderni, pennarelli, pastelli, matite, penne, forbici, gomme e altri materiali didattici necessari. L’aumento del costo del corredo scuola si attesta tra il 6 e l’8%.