Autoproduzione, è scontro sull’emendamento: le parole di Enza Amato

0
196
autoproduzione

Alla Camera dei deputati, il 3 luglio, si è discusso dell’emendamento riguardante l’autoproduzione dei servizi portuali. L’emendamento (al DL Rilancio) è stato presentato dal PD alcune settimane fa e mira a regolarizzare l’autoproduzione nei porti. Si darebbe la possibilità agli armatori di far compiere al personale di bordo le opere di messa in sicurezza delle merci. Anche Enza Amato, Consigliera democratica della Regione Campania, si è espressa a riguardo.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli: tutto pronto per il nuovo Parco della Marinella

Autoproduzione dei servizi portuali, cosa ne pensa Enza Amato

autoproduzione
dalla pagina Facebook di Enza Amato

Troppo spesso, e nei più disparati contesti, assistiamo all’utilizzo di figure generiche per mansioni che invece richiedono qualifiche e specializzazioni. Questo per livellare verso il basso i costi di personale, mettendo però a rischio non solo queste persone, ma talvolta, intere filiere in nome di una maggiore competitività. Non è pensabile distruggere tutele e garanzie sociali e,  soprattutto, la sicurezza sul lavoro è un tema che non può essere ormeggiato in favore del profitto”. Queste le parole spese da Enza Amato sulla sua pagina Facebook.

Ti consigliamo come approfondimento – Estate 2020, vacanze addio? Il Governo lancia il bonus contro la crisi

Autoproduzione portuale, tra sindacati ed associazioni

autoproduzioneIl Direttore Generale di ALIS Marcello Di Caterina si è dichiarato preoccupato riguardo gli emendamenti presentati nell’iter di conversione in legge del cd. DL Rilancio. “Siamo preoccupati perché si rischia di ledere la competitività del settore marittimo, aumentando i costi per gli armatori e creando ripercussioni sull’occupazione.

Il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, ha voluto inoltre precisare che il Decreto Rilancio non è più rinviabile. “Il modello di sviluppo del nuovo Paese deve partire dalle regole e dal contrasto dello sfruttamento dei lavoratori. Notiamo con preoccupazione quella parte di maggioranza del Governo che ancora non si è espressa su determinate norme. Se questo emendamento non si renderà necessario valutare forme di mobilitazione dei lavoratori portuali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 5 =