Avellino, ucciso con 7 coltellate da figlia e fidanzato. Era contro la relazione

0
317
Avellino omicidio chat

Avellino ucciso figlia: nella provincia Campana, alle 22:45 di venerdì 23 aprile si è consumato il folle delitto. Sette sono stati i fendenti inflitti sul torace dell’uomo ucciso. A compiere la carneficina sono stati la figlia e il fidanzatino. I due colpevoli, dopo poche ore, sono stati fermati nel comune di Cervinara.  

Ti consigliamo come approfondimento – Morta Milva, ci lascia a 81 anni la “pantera di Goro”. L’annuncio della figlia

Avellino ucciso figlia: l’accaduto

Avellino ucciso figliaAvellino ucciso figlia – Il dramma si è consumato in pieno centro, ad Avellino. Alle 23 di venerdì 23 aprile 2021, nella sua abitazione di Corso Vittorio Emanuele, Aldo Gioia ha perso la vita. L’uomo, di 53 anni e impiegato presso la FCA di Pratola Serra, è stato accoltellato a morte. L’omicidio è stato compiuto, molto probabilmente, dalla figlia diciottenne e dal suo fidanzato ventitreenne. Negli ultimi giorni vi erano state alcune discussioni tra l’uomo e la ragazza. Aldo Gioia non approvava la relazione tra sua figlia e il ventitreenne. Questa motivazione ha portato ad un’ultima furibonda lite proprio ieri sera. Stando alle informazioni fornite, intorno alle 22:45 l’uomo è stato colpito da 7 coltellate al torace. Al momento dell’accaduto, sta riposando sul divano in salotto. A lanciare l’allarme sono state la moglie e l’altra figlia. Inutili sono stati i soccorsi verso la città ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di contrada Amoretta.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, sassi contro ambulanza: atto vergognoso. Indagini in corso

Avellino ucciso figlia: indagini in corso

Avellino ucciso figliaAvellino ucciso figlia – Le indagini, coordinate dal procuratore avellinese Domenico Airoma, sono ancora in corso. Dopo aver ascoltato la moglie e l’altra figlia della vittima, sono scattate le ricerche dei due fuggitivi. L’appartamento è subito diventato oggetto di indagini per il gruppo della Scientifica. Di pari passo, la squadra di Polizia si è messa in opera per smascherare i responsabili. I due ragazzi sono stati fermati qualche ora dopo, nella notte. Si erano rifugiati presso l’abitazione del giovane, a Cervinara. I due sono, al momento, in stato di fermo per omicidio volontario. In giornata, il procuratore Airoma diramerà un comunicato stampa su quanto accaduto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × tre =