Bacoli, rivoluzione dei lavoratori: Il Sindaco Della Ragione impone salario minimo a 9 euro all’ora

0
169
Bacoli salario minimo
Il sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione - Foto dal profilo Facebook ufficiale

Bacoli salario minimo: la giunta del sindaco Della Ragione impone un salario minimo di 9 euro l’ora per ottenere appalti pubblici o concessioni demaniali. La misura mira a contrastare lo sfruttamento stagionale e proteggere i lavoratori, con controlli rigorosi e possibilità di revoca degli appalti.

Ti consigliamo come approfondimento-Nasce la Carta di Firenze per garantire cure adeguate e specifiche per gli anziani troppo spesso trascurati

Bacoli salario minimo per alcuni lavoratori

Dalla pagina Facebook del sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione

A Bacoli il sindaco Josi Gerardo Della Ragione ha deliberato nuove modalità per ottenere o mantenere un appalto pubblico o una concessione demaniale. Il titolare o l’aggiudicatario dovrà garantire un salario minimo di almeno 9 euro l’ora per i propri dipendenti. Questa mossa è unica nella regione e con pochi precedenti nel resto d’Italia. È stata adottata come risposta alle sfide imminenti legate al rinnovo di 220 concessioni demaniali, che includono ormeggi, spiagge e parcheggi. La peculiarità di questa delibera risiede nel territorio dove sarà applicata. Bacoli è una località costiera con numerosi stabilimenti balneari. Tradizionalmente, tali luoghi sono stati associati a casi di sfruttamento e sotto-pagamento del lavoro stagionale. Il sindaco Della Ragione ha dichiarato che questa misura mira a difendere i lavoratori. Sono necessarie per contrastare lo sfruttamento e proteggere gli imprenditori che offrono salari dignitosi.

Ti consigliamo come approfondimento-Altro aumento dei prezzi delle sigarette per 46 marchi da oggi 5 aprile 2024

Bacoli salario minimo: delibera della giunta

bacoli reddito cittadinanza
Il sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione – Foto dal profilo Facebook ufficiale

La delibera è stata promossa dall’assessore al Demanio e al Commercio, Vittorio Ambrosino. Questa ha lo scopo di mettere fine alla pratica dei “prenditori”. Si tratta degli individui che, secondo il sindaco, sfruttano e mortificano la comunità. Della Ragione ha affermato che la decisione è stata presa dopo aver ricevuto segnalazioni di lavoratori che venivano sfruttati. Questi denunciano di lavorare 12 ore al giorno per soli 35 euro. Ora questi lavoratori possono denunciare anonimamente il loro sfruttamento al Comune. La delibera prevede controlli rigorosi sui contratti indicati nelle procedure di gara. Inoltre, ci sarà la possibilità di revocare gli appalti e le concessioni per coloro che non rispettano i requisiti salariali. Inoltre, il sindaco ha annunciato l’intenzione di estendere l’applicazione della delibera anche ai contratti gestiti dal Centro Ittico Campano, una partecipata del Comune di Bacoli che gestisce il 25% del territorio comunale e le aree che ospitano numerosi bar e ristoranti.

Ti consigliamo come approfondimento-Carabinieri inventano di dover salvare una donna incinta e saltano la coda per comprare lo Swatch

Bacoli salario minimo: dedica

giovaniIl sindaco Josi Gerardo Della Ragione ha dedicato il provvedimento al defunto consigliere comunale, l’ex parlamentare di Rifondazione Comunista Giuseppe Scotto Di Luzio. Questi era un fervente difensore della causa per porre fine allo sfruttamento dei giovani a Bacoli. Di Luzio era noto per il suo impegno incrollabile nel combattere lo sfruttamento giovanile e nel promuovere la giustizia sociale. Egli aveva sempre creduto che i giovani locali fossero i veri protagonisti dello sfruttamento, spesso costretti a lavorare in condizioni disumane e con retribuzioni inadeguate. Il suo lavoro e la sua dedizione hanno ispirato molte delle politiche attuate per migliorare le condizioni di lavoro a Bacoli.