Bambino bullizzato: video dell’aggressione. I bulli minacciano di pubblicarlo

0
354
bambino bullizzato

Bambino bullizzato e picchiato da alcuni suoi coetanei in provincia di Avellino. Il bambino ha 10 anni e la sua aggressione è stata ripresa con un cellulare. Inoltre, i bulli hanno anche minacciato il bambino di diffondere il video dell’aggressione se non avessero ricevuto i soldi.

Ti consigliamo come approfondimento-Giugliano: Maxi rissa al party abusivo nel lido “le Ancore”. Il video sui social

Bambino bullizzato da alcuni suoi coetanei

roma disabile picchiata,Un bambino di 10 anni è stato preso a calci e pugni da alcuni suoi coetanei, che hanno filmato l’aggressione. In seguito, i ragazzini hanno minacciato il loro coetaneo di diffondere su internet il video dell’aggressione. Questo episodio di bullismo è avvenuto a Cervinara, in provincia di Avellino e colpisce davvero molto l’età degli aggressori e della vittima. Infatti, i bulli e la vittima hanno tra i 10 e gli 11 anni. La vittima, inoltre, non aveva detto nulla dell’aggressione a casa per paura. Il bambino non aveva chiesto aiuto alla famiglia temendo alcune ritorsioni e la diffusione su internet della sua umiliazione. I genitori, però, hanno visto i segni della violenza e dopo aver saputo dell’aggressione, si sono recati in commissariato per denunciare l’accaduto.

 

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli: rissa durante il funerale al rione Sanità. Il video postato sui social!

Bambino bullizzato: indagini in corso

Uomo lega figlio
Dalla pagina Facebook della Polizia di Stato

Alla vista, quindi, dei lividi e delle escoriazioni che il bambino aveva sul corpo, i genitori hanno chiesto spiegazioni. Il bambino, pertanto, ha raccontato le violenze subite prima ai genitori e poi alla Polizia. Infatti, insieme ai genitori si è recato al commissariato della Polizia di Stato di Cervinara. Sono in corso le indagini, che nel frattempo hanno portato all’identificazione dei tre bulli, residenti nella zona. Inoltre, è emerso che le violenze perduravano già da tempo e il bambino era vittima di bullismo continuamente. Le aggressioni e i soprusi sono notevoli, e spesso c’erano richieste di estorsioni per evitare di essere picchiato. L’ultima aggressione è stata ripresa con un telefonino ed è stata utilizzata come arma di ricatto.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − 18 =