Bambino sbranato da un coccodrillo davanti ai genitori. La tragedia in Costarica

0
79
Bambino sbranato

Bambino sbranato – Tragedia in Costarica, dove un bambino è stato trascinato in un fiume da un coccodrillo, che l’ha poi sbranato davanti genitori. Una comunità è stata sconvolta dalla notizia, che rapidamente ha fatto il giro del mondo; l’hanno infatti ripresa le più importanti testate internazionali. Ma andiamo meglio a vedere cosa è successo.

Ti consigliamo come approfondimento – Salerno, papà confessa: “Me l’ha detto Dio di lanciare mia figlia dalla finestra!”

Bambino sbranato in Costarica: ecco cosa è successo

campobasso bambinaJulio Otero Fernández, questo il nome del bambino, stava visitando il fiume Matina a Limón, nella parte orientale del Costa Rica,  (tanto per intenderci, quella che si affaccia sull’Atlantico) quando è stato trascinato via dal rettile.

Il bambino, di appena 8 anni, si stava divertendo a sguazzare nel fiume, con l’acqua che gli arrivava alle ginocchia. All’improvviso il rettile lo ha visto e prima lo ha portato via davanti ai suoi genitori e poi lo ha sbranato.

Il corpo del ragazzo non è stato ancora trovato. I suoi genitori, Don Julio Otero e Margini Fernández Flores, ancora sconvolti per quanto accaduto, stanno cercando di trasferirsi nella vicina Nicaragua. Così vogliono proteggere gli altri quattro figli, di età compresa tra i 3 e i 16 anni.

Le autorità stanno dando la caccia al rettile, per recuperare il corpo del piccolo, ma le forti piogge che stanno interessando la zona rendono impossibile ogni ricerca.

Ti consigliamo come approfondimento – Bambino muore per la puntura di uno scorpione. Ha avuto sette arresti cardiaci

Bambino sbranato in Costarica: l’appello dei genitori

pugni bimbo afragola bambino rapitoI genitori del bambino, che frequentava la terza elementare, hanno lanciato un accorato appello alle autorità della zona: “Troviamo il rettile e sacrifichiamolo!”.

Ti consigliamo come approfondimento – Bambina picchiata e seppellita viva per punizione

Non possiamo più restare qui; ogni angolo della città ci ricorda di nostro figlio e di quanto eravamo felici insieme a lui. I suoi fratelli tentano di essere forti ma si vede che soffrono. Ma soprattutto non possiamo restare qui perché mentre si proteggono i coccodrilli, per evitare che vadano in via d’estinzione, non ci si rende conto che possono uscire dai fiumi e colpire le persone.
E fa davvero paura pensare che un giorno una tragedia come quella di nostro figlio possa succedere a chiunque.

Tatiana Díaz, direttore regionale della Croce Rossa di Limón, ha aggiornato la stampa sullo stato delle ricerche. “È molto probabile che il coccodrillo abbia nascosto il bambino in una delle sue tane sott’acqua. Ma le tane sono parecchie e noi non abbiamo uno schema per controllarle”. Il corpo del bambino resta dunque sott’acqua, in attesa di nuovi sviluppi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

9 − 6 =