Bar e ristoranti, Campania pronta a ripartire. Ecco le regole da rispettare

0
618
bar e ristoranti

Dal 18 maggio è prevista anche in Campania la riapertura di bar e ristoranti, centri estetici e parrucchieri, con il rispetto delle misure di precauzione per evitare la formazione di focolai. Inaspriti anche i controlli per i rientri dal nord.

Ti consigliamo come approfondimento – Basta al Nord contro Sud, il tocilizumab funziona

Bar e ristoranti, quali regole rispettare?

bar e ristorantiI bar e ristoranti dovranno garantire:

  • Tavoli che permettano il distanziamento di almeno un metro tra cliente e cliente;
  • Due metri di distanza tra i tavoli;
  • Possibilitá di utilizzare barriere protettive o divisorie;
  • Utilizzo degli spazi esterni quando possibile;
  • Areazione naturale di tutti i locali, escludendo il ricircolo d’aria forzato dei condizionatori;
  • Igienizzazione frequente dei bagni e degli stumenti come posate, piatti, saliere, piani cottura ecc.
  • Rispetto delle norme igienico sanitarie: lavarsi spesso le mani, utilizzo di dispositivi di protezione individuale (DPI) per cuochi, camerieri e personale vario;
  • Equa distribuzione dei dispenser di liquido igienizzante per permettere l’igienizzazione delle mani già dall’entrata.
  • Favorire l’utilizzo di pagamenti elettronici, anche al tavolo, per evitare i contatti fisici;

È preferibile accedere ai locali tramite prenotazione. In Campania la prenotazione con successivo invio dell’autocertificazione è obbligatoria. Con queste norme, la Campania si prepara alla ripartenza della fase due.

amazon

Parrucchieri e centri estetici

bar e ristorantiNorme stringenti anche per centri estetici e parrucchieri. Vediamo quali:

  • L’obbligo di indossare la mascherina per clienti e personale;
  • Utilizzo di camici e grembiuli monouso;
  • Distanza minima di due metri tra i clienti;
  • Sanificazione degli strumenti (forbici, pettini, rasoi ecc.) dopo ogni appuntamento;
  • Ricambio d’aria naturale dei locali;
  • Vietati gli appuntamenti a casa;

Il cliente dovrá prenotare e mostrare l’autocertificazione per confermare l’appuntamento.
Per garantire la continuitá delle attivitá verrá tenuta sotto controllo la curva dei contagi. In caso di diminuzione dei contagi si prevede una riapertura stabile, mentre in caso di aumento c’è il rischio del ritorno alla Fase 1. Il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha ribadito di prendere decisioni definitive solo quando si avranno i primi esiti della fase due.

Ti consigliamo come approfondimento – Nord bocciato e Sud promosso!

Fase 2: le norme per agriturismi e strutture ricettive

bar e ristoranti Queste le indicazioni da seguire per strutture ricettive alberghiere, complementari e alloggi in agriturismo:

  • L’uso di igienizzanti;
  • Mantenimento delle distanze tra gli ospiti e lavoratori;
  • Sanificazione di tutti i locali;
  • L’uso dei dispenser;
  • Sanificazione dei tavoli,delle panche e sedie;
  • Pagamenti con servizi a distanza per ridurre i contatti.

Ci sará la possibilitá di andare nelle seconde case e rivedere gli amici, a distanza e protetti. La riapertura di centri sportivi e palestre è prevista per il 25 maggio (tranne in Lombardia, dove si prevede la riapertura per il 31 maggio) ma solo seguendo rigide norme di sicurezza igienico sanitaria. Anche lidi e stabilimenti balneari dovranno rispettare precise norme di distanziamento per la sicurezza. Ad esempio, un distanziamento tra gli ombrelloni per garantire una superficie di almeno 10 m² per ogni ombrellone e 1,5 m di distanza tra le attrezzature di spiaggia, che vanno sanificate dopo ogni uso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + 13 =