Green Pass verso l’abolizione, virologo Bassetti: “Non ha più senso protrarlo”

0
491
Green Pass abolito

Green Pass abolito? Secondo Matteo Bassetti, la certificazione verde ha compiuto il proprio dovere ed è ora di passare avanti. “Va superato una volta che non sarà più rinnovato lo stato d’emergenza. Tanto a quel punto resteranno solo un due milioni circa di italiani sotto i 50 anni non protetti con la vaccinazione. È una cifra che ci possiamo permettere”, ha dichiarato il virologo in un’intervista a La Nazione – Carlino – Giorno.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, sono 50mila i No Vax. Direttore dell’ASL Napoli 1: “Vaccinatevi!”

Green Pass abolito: “Rischierebbe solo di far chiudere il paese”

 Green Pass abolito
Dall’account Twitter Palazzo Chigi

Green Pass abolito – L’infettivologo e direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti, si è espresso in materia di Covid e Green Pass. “Tra due mesi ci avvicineremo ulteriormente al 95% di popolazione over 12 vaccinata. Senza contare che, da qui alla primavera prossima, l’infezione se la piglieranno anche coloro che ancora si ostinano a rifiutare la profilassi. Saranno immunizzati anche loro. A quel punto il Green Pass avrà esaurito la sua funzione. Continuare a chiederlo per entrare nei negozi o per prendere un caffè, rischierebbe solo di far chiudere il paese”. Così ha dichiarato in un’intervista a La Nazione – Carlino – Giorno.

Secondo il virologo, il Green Pass dovrà essere abolito nel momento in cui non verrà più rinnovato lo stato d’emergenza. “Tanto, a quel punto, resteranno solo un due milioni circa di italiani sotto i 50 anni non protetti con la vaccinazione. È una cifra che ci possiamo permettere. Stiamo poi anche parlando di una fascia d’età che generalmente non sviluppa una malattia grave”, ha aggiunto.

Ti consigliamo come approfondimento – Bimbo deve subire intervento urgente al cuore, la famiglia: “Per la trasfusione solo sangue No Vax!”

Green Pass abolito: “Nuove regole più difficili delle precedenti”

Green Pass abolitoGreen Pass abolito – “Quello che è stato, è stato. Non ha più senso protrarre misure come il Green Pass, che sono nate per favorire la vaccinazione. E non per comprimere la vita delle persone”, ha tuonato l’infettivologo.

Matteo Bassetti si è mostrato critico anche sulle ultime misure governative circa DAD, quarantene e mascherine. Da molto tempo, secondo il direttore genovese, “si poteva e si doveva fare di più per consentire agli italiani di tornare a vivere in sicurezza”. Lo sfogo è continuato sul proprio profilo Facebook, dove ha asserito che “il cittadino va educato e aiutato a come difendersi dalle malattie infettive. Non vessato e sfinito da obblighi anacronistici. Come sempre, tante parole”.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo Decreto Covid: da aperture discoteche all’obbligo delle mascherine all’aperto

Green Pass abolito: “Il virus resterà con noi”

Green Pass abolitoGreen Pass abolito – Bassetti si è mostrato molto critico anche in materia di tamponi. “Nei giorni della merla c’erano città con 5 gradi e bambini sui marciapiedi delle farmacie in attesa di tampone per ore. Se non si sono contagiati dal Covid, si sono contagiati da altro. Questo non è degno di un paese civile. Abbiamo declinato la pandemia sulla base della pancia della gente”, ha dichiarato. Inoltre, “Il tamponificio Italia non è servito assolutamente perché non ha tracciato e ha creato problemi, a scuola come nel lavoro”.

Riguardo le previsioni per il prossimo autunno, Bassetti ha affermato che il virus non andrà via, ma rimarrà in via endemica senza creare stati di emergenza. “Di fronte a un quadro clinico di polmonite bilaterale, torneremo a fare diagnosi differenziale. Non penseremo subito e solo al Covid”, ha concluso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 5 =