La biblioteca regala un libro a tutti i neonati: la cultura si diffonde anche così

0
136
bebè libri

Bebè libri è l’iniziativa di una biblioteca pugliese che regala un libro a ogni bimbo che nasce. Oltre a questo, volontari distribuiscono libri a domicilio contro solitudine e isolamento, per alimentare la cultura.

Ti consigliamo come approfondimento – ITsART, cultura online: nasce il palcoscenico virtuale per l’arte italiana

Bebè libri, un regalo culturale per i figli della pandemia

Dal profilo Facebook della direttrice Katiuscia Di Rocco

L’iniziativa della direttrice si chiama Bebè libri e doveva limitarsi al solo mese di gennaio. Ma il successo strepitoso ha spinto a continuare ancora. A ogni bambino che nasce viene regalato un libro di favole per la notte. Per ottenerlo basta inviare una mail alla biblioteca allegando il certificato di nascita del proprio figlio. Tante le neomamme che hanno aderito all’iniziativa e che hanno ringraziato la biblioteca con una foto dei piccoli con in mano il dono ricevuto. È importante che i bambini siano abituati alla lettura sin da piccolissimi, insiste la direttrice. In questo modo “il bambino stimola la fantasia, stimola l’immaginazione. Il bambino ha la necessità di ascoltare storie.”

Un’idea nata per l’esigenza di far avere ai piccoli nati nei mesi della pandemia un regalo malgrado la distanza imposta dal lockdown. “Delle mie amiche avevano avuto i bambini, avevano partorito, i bambini avevano compiuto un anno e io praticamente mi ero persa il loro anno di vita, perché con il Covid non c’è potuta essere la frequentazione e quindi vedersi, il primo compleanno, io non l’ho passato con loro. Per cui spedivo loro dei libri perché si ricordassero della “zia di cuore”, noi ci chiamiamo così tra di noi” spiega la direttrice della biblioteca. 

Ti consigliamo come approfondimento – Biblioteca vivente, dove le persone diventano libri da sfogliare

Biblioteca a domicilio per soddisfare la fame di cultura

Dal profilo Facebook della direttrice Katiuscia Di Rocco

Un’iniziativa venuta in mente per fronteggiare i mesi di isolamento e l’impossibilità per molte persone di uscire di casa a causa del Covid. Ma anche un modo per rilanciare l’abitudine alla lettura, che molti hanno riscoperto proprio grazie alla pandemia. Portare i libri della biblioteca direttamente a casa, in sella a una bicicletta bianca e rossa (mezzo ecologico per eccellenza). Nell’era del delivery, non solo piatti pronti e spesa vengono consegnati a casa, ma anche la cultura – per soddisfare voglia di conoscere e di sapere. “Sono già tante le richieste che stiamo ricevendo” spiega la direttrice. A consegnare i libri è una volontaria sportiva a bordo di una Graziella.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 − 11 =