Beppe Grillo sul Green Pass: “Lo Stato paghi i tamponi ai lavoratori”

0
385
Beppe Grillo Green Pass lavoratori,

Beppe Grillo Green Pass lavoratori, il fondatore dei pentastellati dice la sua a riguardo. Secondo Grillo infatti allo stato serve una pianificazione inerente il Green Pass. La sua proposta è quella di una collaborazione tra SOGEI (che ne detiene i dati) e INPS. “Non invaderebbe la privacy se non nei limiti necessari” afferma. Ciò permetterebbe alle aziende, secondo Grillo, di anticipare i soldi dei tamponi venendo poi rimborsata dall’INPS.

Ti consigliamo come approfondimento – Slovenia stop greenpass obbligatorio per i lavoratori. La Corte accoglie il ricorso dei sindacati

Beppe Grillo Green Pass lavoratori: la proposta dell’Elevato

grillo, Beppe Grillo Green Pass lavoratori,
Foto dalla pagina Facebook ufficiale di Beppe Grillo

Beppe Grillo difficilmente rimane in disparte su temi così caldi. Non si tira indietro quindi nemmeno sulla questione Green Pass – lavoratori. “Sul Green Pass serve una pianificazione” afferma il fondatore dei pentastellati. Qui la proposta di far collaborare Sogei (che detiene i dati sul Green Pass) con l’Inps. Così: “Il costo del tampone sarà solo anticipato dall’azienda ma pagato a conguaglio da Inps”. Una misura che, stando a Grillo: “Succede per la cig ordinaria sui versamenti dei contributi aziendali”. Una proposta su cui Orlando, Ministro del Lavoro, esprime disappunto. Secondo lui comprometterebbe la campagna vaccinale.

Ti consigliamo come approfondimento – Roma, manifestazione no green pass: attacco di estrema destra al Cgil

Beppe Grillo Green Pass lavoratori: la risposta del Ministro del Lavoro

Proroga blocco licenziamenti, Beppe Grillo Green Pass lavoratori,
Dal profilo Facebook ufficiale di Andrea Orlando

Su Green Pass e lavoratori risponde a Beppe Grillo il Ministro del Lavoro, Andrea Orlando. “Mi sembra ragionevole pensare a tutte le forme possibili di calmierazione” sostiene. “Ma far diventare il tampone gratuito significa dire sostanzialmente che chi si è vaccinato ha sbagliato”.  Poi continua: “Dobbiamo dire che chi va a lavorare e chi ancora non è convinto può avere un trattamento parzialmente diverso”. Insomma, sulla questione c’è ancora molto da lavorare. Sicuramente però è una situazione che va risolta al più presto. Soprattutto a fronte dei malumori emersi tanto sui social quanto in piazza negli ultimi giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 + 20 =