Berlusconi: nell’eredità c’è anche Dell’Utri, 30 milioni alla storico amico condannato per mafia

0
403
Berlusconi testamento Dell’Utri
Fonte Corriere.it

Berlusconi testamento Dell’Utri: il testamento del cavaliere è stato aperto e tra i beneficiari è presente anche l’amico Dell’Utri. Questi era il più stretto e fedele collaboratore. Era un dirigente d’azienda e ha un ruolo fondamentale nell’esistenza di Berlusconi. Ci sarebbero tre testamenti del cavaliere, ma l’ultimo è stato redatto lo scorso anno.

Ti consigliamo come approfondimento-Aperto testamento di Berlusconi, ai figli Pier Silvio e Marina il 53% delle azioni

Berlusconi testamento Dell’Utri: 30 milioni per l’amicizia

Testamento BerlusconiIl testamento di Berlusconi è stato aperto ieri nello studio del notaio Roveda alla presenza di due testimoni, l’avvocato Luca Fossati e dell’avvocato Carlo Rimini. Il primo in rappresentanza dei figli Marina e Pier Silvio. Il secondo in rappresentanza dei figli di secondo letto, Barbara, Eleonora e Luigi. Alla lettura del testamento, secondo quanto si apprende, avrebbero partecipato in collegamento anche gli eredi. Tra i beneficiari risulta esserci il suo amico e stretto collaboratore Marcello Dell’Utri. A lui il “cavaliere” ha offerto un lascito di 30 milioni. Nel testamento si legge: “Glieli lascio per il bene che gli ho voluto e per quello che loro hanno voluto a me”. In passato Berlusconi gli aveva “donato” dal 2021 un vitalizio mensile di 30 mila euro. Nel 2011 gli aveva donato 8 milioni di euro, 3 milioni di euro nel 2012 e alcuni miliardi a fine anni’90.

Ti consigliamo come approfondimento-Il mondo economico e i figli attendono l’apertura del testamento di Berlusconi

Berlusconi testamento Dell’Utri: la loro amicizia

Fonte Corriere.it

Berlusconi e Dell’Utri si sono conosciuti durante il percorso universitario di quest’ultimo. Dell’Utri raccontò: “Un amico di Palermo che aveva studiato a Milano mi ha dato il suo numero prima che partissi per l’università. Mi ha detto ‘è un po’ gasato, ma bravo’. E quando l’ho conosciuto, ho subito pensato che era un fenomeno. Mi ha invitato a cena a casa sua”. E così, nel 1964, all’età di 23 anni, Dell’Utri ha iniziato a lavorare come segretario personale del futuro imprenditore. Durante lo stesso periodo, è stato anche allenatore della squadra di calcio del Torrescalla, finanziata e sponsorizzata da Berlusconi. Questa esperienza ha rappresentato l’inizio di una stretta relazione professionale tra i due, che si è sviluppata nel corso degli anni.

Ti consigliamo come approfondimento-Silvio Berlusconi è morto a 86 anni. La Politica, lo Spettacolo e il Calcio Italiano in lutto

Berlusconi testamento Dell’Utri: i testamenti del Cavaliere

Foto dal Profilo Facebook ufficiale di Silvio Berlusconi

Sono tre i testamenti di Silvio Berlusconi depositati presso il notaio Roveda di Milano. Il primo fu stilato il 2 ottore 2006. La destinazione della parte di eredità disponibile veniva lasciata in parti uguali ai figli Marina e Pier Silvio. Mentre la parte rimanente viene divisa tra tutti i cinque figli sempre in parti uguali. Il secondo testamento venne stilato il 5 ottobre 2020. In esso Berlusconi aggiunse un lascito di 100 milioni al fratello Paolo. Il terzo è in forma di lettera e risale allo scorso 19 gennaio 2022. In esso è contenuto l’ulteriore lascito per Marta Fascina di 100 milioni, e per Marcello Dell’Utri, pari a 30 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 3 =