Betelgeuse, lo spettacolo dell’universo: l’antica stella è pronta alla supernova?

0
255
betelgeuse

Betelgeuse è la seconda stella più luminosa della costellazione di Orione, e la decima più brillante vista a occhio nudo. Le stelle come Betelgeuse hanno un ciclo breve che si conclude violentemente, creando eventi come le supernove, esplosioni di stelle visibili a grandissime distanze. Definite supergiganti rosse, sono stelle massicce che hanno concluso il loro ciclo naturale e che esploderanno in supernove.

Ti consigliamo come approfondimento – 2020 anno delle stelle, come e quando vederle

Betelgeuse: una storia stellare

La costellazione di Orione è tra le più semplici da riconoscere e osservare.
Contenendo molte stelle luminose, è perfettamente visibile senza difficoltà, anche in città. Caratteristica la sua forma a clessidra, oltre al grande rettangolo verticale di stelle luminose, è grazie all’allineamento delle tre stelle al centro della figura, che prende il nome di Cintura di Orione. Il nome Betelgeuse deriva dall’arabo, dopo varie traslitterazioni, e significa “ascella del gigante”, per la sua forma caratteristica.
Gli Egizi consideravano le tre stelle di Orione come un tributo al dio dell’Oltretomba, Osiride. Infatti le piramidi di Giza sono state costruite in modo da essere allineate alle tre stelle della Cintura di Orione.

Ti consigliamo come approfondimento – Bistecca nello spazio, l’ultima frontiera della stampa 3D

Betelgeuse: una stella instabile ma è pronta per lo scoppio?

betelgeuse, stella, orioneIl fatto che si stia offuscando non è così strano per una stella come Betelgeuse.
I suoi cambiamenti luminosi sono stati studiati con attenzione per decenni. Ma è insolito che una tra le stelle più lucenti si oscuri in maniera evidente, inducendo gli scienziati a ipotizzare che Betelgeuse potrebbe esplodere e morire, emanando più luce della Luna piena, sparendo per sempre dai nostri cieli. Betelgeuse si è gonfiata al tal punto da raggiungere una massa pari a 20 volte quella del sole e il suo ciclo finale potrebbe durare qualche settimana o mesi.
L’esplosione sarà abbastanza potente da essere visibile durante il giorno per alcuni mesi.

Non essendo in prossimità della Terra, non ci saranno conseguenze per noi; d’altronde gli esperti calcolano che ci vorranno almeno sei milioni di anni prima che l’onda d’urto o eventuali detriti possano raggiungerci.

Ti consigliamo come approfondimento – NASA: l’uomo torna sulla Luna nel 2024

Betelgeuse: sarà possibile assistere allo spettacolo astrale?

betelgeuse, stella, orioneSecondo gli scienziati, i cambiamenti di luminosità della stella potrebbero significare che si stia avvicinando alla fine della sua vita. Siecondo le stime, Betelegeuse ha poco meno di 10 milioni di anni, ma gli astrofisici prevedono che finirà in un’esplosione di supernova nei prossimi 100.000 anni. In ogni caso ci potrebbero volere migliaia di anni o qualche secondo prima che accada; pochissimo in tempi astronomici, ma una variazione estremamente considerevole per noi. Le ultime notizie però vogliono che Betelgeuse, dopo mesi di appannamento, sia tornata a brillare. La stella quindi il suo comportamento decisamente instabile (e unico nel cosmo). Gli scienziati ancora non sanno a cosa sia dovuto l’offuscamento precedente, ma una cosa sembra certa: la luce di Betelgeuse ci accompagnerà ancora per moltissimo tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here