Biden concede la grazia ai detenuti per possesso di cannabis: “Nessuno deve andare in prigione per questo”

0
1442
Biden cannabis,

Biden cannabis, arriva, da parte del Presidente degli Stati Uniti d’America, la grazia! Una notizia che sconvolge tutti, persino i titoli in borsa del settore. La decisione di Joe Biden riguarderà tutti coloro che si trovano in carcere per semplice possesso di cannabis. Una promessa che aveva fatto nel 2020 e che ora diventa realtà. Un gesto che nemmeno Obama era stato in grado di realizzare. Una decisione che, dal 1965 ad oggi, rende giustizia a circa 29 milioni di cittadini Usa. Questi i numeri di coloro che sono andati in carcere per semplice possesso di cannabis fino ad oggi. Una manovra che svuota le carceri degli USA di 6500 persone.

Ti consigliamo come approfondimento – Referendum Cannabis: l’intervista ad Antonella Soldo di #megliolegale

Biden cannabis: le dichiarazioni del presidente degli USA

Biden cannabis, Trump Biden positivo Covid, biden militari europa, G7 Putin, Biden comitato disinformazione, Massimo Cacciari Gad Lerner,Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, è molto chiaro sull’argomento. Rimarca una promessa fatta anni fa e che, alla fine, ha mantenuto. “Come ho già detto in passato, nessuno dovrebbe essere in prigione solo per aver usato o posseduto marijuana“. Afferma il presidente USA. “Oggi sto prendendo provvedimenti per porre fine al nostro approccio fallimentare” sostiene. La dichiarazione ufficiale arrivata dalla Casa Bianca è stata pubblicata il 6 ottobre. Da qui si rende noto come la cannabis rientri nella Tabella I, assieme alle droghe pesanti e mortali come l’eroina. Dunque Biden aggiunge che: “Si rivedrà rapidamente l’attuale classificazione della pianta“.

Ti consigliamo come approfondimento – Cannabis legale, ennesimo ostacolo: il Parlamento vuole bloccare la legge

Biden cannabis: la riforma chiesta dagli attivisti

Vino, Biden cannabis,Alle parole del presidente USA, Joe Biden, seguono gli apprezzamenti degli attivisti. Soprattutto in merito alla volontà di declassificare la marijuana e di non paragonarla più a sostanze come l’eroina. Ad esprimersi è Erik Altieri, direttore dell’esecutivo dell’associazione antiproibizionista americana Norml. “Sono ottimista” afferma riguardo la speranza di una riforma in merito. “Molti degli sforzi intrapresi e proposti dal Presidente oggi sono attesi da tempo“. Da qui il pensiero che la riforma tanto attesa arrivi in tempi brevi. Così come si spera in un passaggio legislativo che permetta di dare maggiori garanzie alle comunità colpite dal proibizionismo della cannabis. Affinché possano contribuire in maniera sicura, e partecipare, a questo cambiamento.

Ti consigliamo come approfondimento – Cannabis, confusione e illegalità: cosa si può davvero fare

Biden cannabis: i dati e le stime negli USA

Biden cannabis, Caserta carcere violenze, omicidio willy, Caserta agenti aggrediti, Napoli madre uccisa,Facendo un rapido conteggio della situazione nelle carceri statunitense, emerge come questa decisione di Biden svuoti i penitenziari di 6500 persone. Se si fa invece un passo indietro negli anni, ovvero dal 1965 ad oggi, si nota come questa manovra, avrebbe reso liberi 29 milioni di persone. Questo infatti il numero di persone che, negli Stati Uniti, sono stati arrestati per semplice possesso di marijuana. Si può dire dunque che con la grazia concessa da Biden inizia un nuovo processo, una nuova era, una nuova visione sulla Cannabis. Continua così la depenalizzazione già intrapresa in gran parte degli Stati Uniti. Mai fino ad ora però il messaggio era stato così forte, così chiaro, così netto.