USA, il comitato anti disinformazione di Biden fallisce: Donald Trump esulta

0
214
Biden cannabis, Trump Biden positivo Covid, biden militari europa, G7 Putin, Biden comitato disinformazione, Massimo Cacciari Gad Lerner,

Biden comitato disinformazione, arriva una notizia che fa esultare conservatori e oppositori del Presidente. Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, aveva istituito un comitato per la governance della disinformazione. Quest’ultimo però è stato sospeso e chi lo dirige è pronto a dare le dimissioni. La squadra che doveva contrastare la disinformazione, voluta da Joe Biden è venuta meno quindi. Una notizia che fa esultare i conservatori, gli oppositori e i fedelissimi di Donald Trump. Vari membri delle Commissioni interne delle Camere si sono espressi a riguardo. C’è chi riteneva il progetto fallito dalla partenza. Qualcun altro invece lo etichetta come un tentativo di Biden per controllare la comunicazione in ogni sua forma.

Ti consigliamo come approfondimento – Biden e Zelensky contro Putin: “Colpevole di genocidio”. Di Maio: “Non possiamo provarlo”

Biden comitato disinformazione: come nasce questo progetto USA

biden decreti immigrazione, sanzioni russia, Biden comitato disinformazione,Con la nomina di Joe Biden a Presidente degli Stati Uniti d’America ci si è subito proiettati nell’essere l’opposto del governo precedente. Se Trump aveva fatto delle fake news un’arma con cui fare propaganda, Biden avrebbe fatto l’opposto. Se i social si sono mobilitati per fermare i post dell’ex presidente, il nuovo avrebbe voluto monitorarli. Per questo, dalla Casa Bianca, è stato partorito un comitato anti fake news. Il comitato per la governance della disinformazione. Noto come Disinformation Governance Board. Tuttavia questo progetto sembra aver avuto vita breve. Di fatto appare ormai come già sull’orlo del tramonto. Chi doveva dirigerlo è ormai prossimo alle dimissioni del consiglio. Una vittoria per i conservatori e gli attuali oppositori del governo Biden in essere.

Ti consigliamo come approfondimento – Cina invia aerei e missili in Serbia, alleata della Russia: la Nato è in allerta

Biden comitato disinformazione: la fine del progetto e le dimissioni del direttore

joe Biden, Biden comitato disinformazione,
Dal pagina ufficiale del Presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden

Già numerose le critiche rivolte nell’ultimo periodo al progetto Disinformation Governance Board. La crisi scatenata dal conflitto Ucraino-Russo, che lo ha posto sempre più al centro delle polemiche, ne ha alimentato ed accelerato il crollo. Così, il 17 maggio, a Buffalo, New York, mentre Joe Biden salutava ospiti del comitato, ci si preparava alla sua conclusione. I lavori infatti sono stati sospesi ed il direttore ha poi presentato le sue dimissioni. “La sospensione del DHS Disinformation Governance Board è di gran lunga la decisione migliore che sia stata presa quando si tratta di questa entità orwelliana”. Commentano John Kakto e Mike Turner, due membri delle commissioni statunitensi. Che esprimono così il loro disappunto per il progetto.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi: “L’Italia è richiesta come garante della pace tra Russia e Ucraina”

Biden comitato disinformazione: il commento dei membri della commissione

Biden comitato disinformazione,John Kakto e Mike Turner, rispettivamente membro della Commissione della Camera per la sicurezza interna e membro della Commissione permanente per l’Intelligence della Camera, esprimono il loro pensiero. “Dal suo lancio il progetto appariva già fallito” spiegano. “Il Ministero delle verità” così soprannominato dai due. “Mancava di una missione definitiva o addirittura di una definizione” sostengono. “Era chiaro che era uno strumento politico che doveva essere esercitato dal partito al controllo”. Insomma, un modo attraverso il quale il presidente avrebbe controllato, oltre che monitorato, la comunicazione. A riguardo si esprime anche Tom Cotton, dell’Arkansas: “I democratici credono che la disinformazione sia un male perché si riflette soltanto su Joe Biden e sul Partito Democratico”. Per questo i Repubblicani esultano, gioendo di questo fallimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × tre =