Rayan raggiunto dai soccorritori, ma ancora sottoterra: le sue condizioni

0
304
bimbo caduto pozzo condizioni

Bimbo caduto pozzo condizioni ancora gravi, ma tendenti al netto miglioramento. I soccorritori hanno lavorato tutta la notte per raggiungere il piccolo Rayan, bloccato sottoterra da martedì. Il tempo è agli sgoccioli: è la fase finale per il salvataggio del bambino sopravvissuto a 32 metri di caduta.

Ti consigliamo come approfondimento – Rayan, 5 anni, bloccato a 32m di profondità da 4 giorni: caduto in un pozzo

Bimbo caduto pozzo condizioni: bloccato a 32 metri sottoterra

pedopornografia chat whatsappOggi è il quinto giorno di prigionia per Rayan, il bambino di cinque anni che martedì è caduto in un pozzo profondo 32 metri. È bloccato in un cunicolo largo appena 25 centimetri, circondato da terreno roccioso a causa della vicinanza della catena montuosa del Rif. Non solo il Marocco, ma tutto il mondo è con il fiato sospeso. Il piccolo sta bene, ma è ancora laggiù, al freddo e al buio. Risponde agli stimoli, parla ed è riuscito a nutrirsi grazie al cibo e all’acqua che sono stati calati giù. Respira a fatica, il suo visino rinchiuso in una maschera per l’ossigeno, dato che a quella profondità l’aria respirabile scarseggia. I soccorritori si sono ritrovati dinanzi a non poche difficoltà per raggiungerlo. Si è provato innanzitutto a calarsi nel pozzo con l’equipaggiamento adatto. Sembrava andare tutto per il meglio, quando è sorto l’impedimento più grande per l’essere umano. A 26 metri di profondità, infatti, la cavità sotterranea si restringe, impedendo il passaggio per una persona adulta.

Ti consigliamo come approfondimento – Omicidio Rosa Alfieri, avvocato del killer: “Ha sentito delle voci. È pentito”

Bimbo caduto pozzo condizioni disperate, ma ricche di speranza

genitori ritrovano figlio, torre del greco bambino annegatoLa soluzione, secondo gli esperti che stanno operando per questo agonizzante salvataggio, è una sola. È necessario scavare un nuovo pozzo parallelo a quello in cui Rayan è caduto, raggiungere la stessa profondità, calarsi e da lì scavare un tunnel che porti direttamente dal piccolo. I lavori sono andati avanti per tutta la notte e si sono conclusi oggi pomeriggio, intorno alle 13:30. Una squadra medica specializzata in rianimazione si è calata nel nuovo pozzo ed è riuscita a raggiungere il bambino. Anche il padre è riuscito ad avere un contatto con lui. “Gli ho parlato via radio”, ha spiegato ai media che stanno seguendo il caso. “Ho sentito il suo respiro. Respira a fatica ma sta bene.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × uno =