Bimbo di 4 mesi in coma etilico a Bari: c’era del vino nel biberon

0
142

Bimbo coma etilico a Bari, nel suo biberon c’era del vino. Il piccolo avrebbe solo 4 mesi ed è ora ricoverato in rianimazione. Le sue condizioni starebbero pian piano migliorando. La sostanza alcolica sarebbe stata usata per sbaglio allo scopo di diluire il latte in polvere dalla nonna.

Ti consigliamo come approfondimento – Sedicenne in coma etilico la madre:”Strano, di solito regge bene l’alcool”

Bimbo coma etilico a Bari: c’era del vino nel suo biberon

Bimbo coma etilicoBimbo coma etilico ricoverato in rianimazione all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. Il piccolo di appena 4 mesi sarebbe finito in ospedale per un errore nella preparazione del biberon. Il vino sarebbe stato usato dalla nonna per diluire il latte in polvere. Accusato il malore il piccolo sarebbe subito stato portato in ospedale a Brindisi dove è stato sottoposto a lavanda gastrica e intubato per poi esser trasferito d’urgenza a Bari. Il vino usato per errore dalla nonna sarebbe stato contenuto in una bottiglia di colore scuro. Le condizioni del piccolo sarebbero in lieve miglioramento e nelle prossime ore potrebbe essere sciolta la prognosi. Sul caso stanno indagando i Carabinieri della compagnia di Brindisi coordinati dalla Procura. Secondo le prime ipotesi delle Forze dell’Ordine è possibile che si sia trattato di un incidente domestico.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, decine di minorenni in coma etilico: locali multati e chiusi da Polizia

Come ha fatto la nonna a usare il vino per sbaglio?

alcol vino, Bimbo coma etilicoLa spinosa faccenda si sarebbe verificata lunedì 29 marzo. Secondo le prime ipotesi la donna avrebbe diluito il latte in polvere con il vino. La sostanza sarebbe stata prelevata da una bottiglia scura. La signora era convinta che dentro ci fosse dell’acqua. Il piccolo avrebbe inizalmente bevuto parte del contenuto nel biberon salvo poi rifiutarlo e solo allora la nonna si sarebbe accorta dell’errore. Subito dopo la signora avrebbe portato il bimbo al pronto soccorso di Brindisi dove i sanitari avrebbero effettuato la lavanda gastrica e la prima intubazione per poi trasferire il neonato all’ospedale Giovanni XXIII di Bari.