La bimba di Palermo muore per la sfida di TikTok. Genitori donano gli organi

0
164
Blackout Challenge Palermo

Vittima Blackout Challenge Palermo: muore a soli 10 anni per una sfida pericolosa su TikTok. Un gioco macabro che ha portato alla morte cerebrale della piccola Antonella. “Mia figlia salverà altri bambini” dice il padre. I suoi organi infatti saranno donati.

Ti consigliamo come approfondimento – Le sfide pericolose dei social

Blackout Challenge Palermo: una vera e propria istigazione al suicidio

Blackout Challenge PalermoGià nel 2019 la redazione delle Iene aveva fatto un servizio su questo macabro gioco. “Una folle sfida online che consiste nel legarsi qualcosa al collo fino a svenire per qualche istante“. Ed è proprio sul social cinese, TikTok, che la piccola aveva scoperto il gioco. Chiusa in bagno, riprendendosi con il telefono si era stretta al collo una cintura dell’accappatoio.

Portata subito in ospedale è stata ricoverata nel reparto Rianimazione dell’ospedale “Di Cristina” a Palermo. Il cuore della bambina si è fermato per un’asfissia prolungata, prima di ricominciare a battere per le manovre rianimatorie eseguite dal personale sanitario. Arrivata ormai in condizioni disperate è stata dichiarata, dalla direzione strategica dell’Arnas Civico, morta cerebralmente. E mentre una piccola folla di parenti e amici disperati piangevano la piccola Antonella, i genitori hanno dato il consenso alla donazione degli organi. “Antonella vivrà ancora” dichiarano i genitori. A un bambino verrà trapiantato il cuore, fegato e un rene andranno a Roma dove sarà eseguito un trapianto combinato, e l’altro fegato a un bambino a Genova.

Ti consigliamo come approfondimento – Instagram nuova policy censura contenuti espliciti: influencer indignati

Blackout Challenge Palermo: La procura apre un fascicolo

Blackout Challenge PalermoIl video della piccola non è stato pubblicato ed è, insieme al cellulare, sotto sequestro. Una prova di soffocamento estremo per dimostrare cosa? La procura dei minori ha infatti aperto un fascicolo per “istigazione al suicidio” contro ignoti per proseguire con le indagini. La procura indaga soprattutto sul movente che ha spinto la giovane Antonella a partecipare a questa prova. Forse sfidata o forse tentava di emulare qualcuno.

Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che la bambina, di soli 10 anni, avrebbe raccolto la sfida che su TikTok viene chiamata “hanging challenge“. Avrebbe poi seguito tutti i passaggi prima di rimanere senza fiato e crollare al suolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × uno =