Blitz alla ‘Ndrangheta. Indagato il segretario Cesa dell’Udc: “Mi dimetto”

0
115
blitz 'ndrangheta Cesa

Blitz ‘Ndrangheta Cesa: la maxi operazione in tutta Italia ha già effettuato 13 arresti. Tra gli indagati anche il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa. I movimenti illegali accertati riguardano oltre 300 milioni di euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Joe Biden presidente: a poche ore dal giuramento, rovescia la politica di Trump

Blitz ‘Ndrangheta Cesa: “Sono estraneo ai fatti ma mi dimetto.”

blitz 'ndrangheta Cesa
Dal profilo Facebook di Lorenzo Cesa

L’ormai ex-segretario dell’Udc (Unione di Centro) Lorenzo Cesa è fra i nomi politici, per ora, più noti che sono coinvolti nell’azione di stampo mafioso. Cesa si dichiara innocente ed estraneo ai fatti, tuttavia ha già reso nota la sua dimissione dall’incarico di segretario della Udc. “Ho ricevuto un avviso di garanzia su fatti risalenti al 2017. Mi ritengo totalmente estraneo, chiederò attraverso i miei legali di essere ascoltato quanto prima dalla procura competente. Come sempre ho piena e totale fiducia nell’operato della magistratura. E data la particolare fase in cui vive il nostro Paese rassegno le mie dimissioni da segretario nazionale come effetto immediato” Queste le sue prime dichiarazioni in difesa della sua causa. La casa di Cesa di Roma è già stata posta sotto sequestro dalle forze dell’ordine nelle prime ore della mattinata. L’accusa sarebbe quella di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Ti consigliamo come approfondimento – Calabria: arrestato il presidente del Consiglio regionale, Domenico Tallini

Blitz ‘Ndrangheta Cesa: operazione “Basso profilo” 

polizia, pomigliano sicura, blitz 'ndrangheta CesaL’operazione, denominata “Basso Profilo”, è stata portata avanti dalla Direzione Investigativa Antimafia con il supporto dell’Unità di Polizia e della Guardia di Finanza. Gli arresti sono stati 13 in tutta i Italia e 45 le persone poste già ai domiciliari. Oltre al politico Cesa, tra gli indagati ci sono amministratori locali, imprenditori di spessore ed esponenti della pubblica amministrazione accusati di avere rapporti d’interesse con le organizzazioni mafiose. Tra gli indagati quindi molti “colletti bianchi” della città di Catanzaro e provincia. Oltre agli arresti e ai domiciliari sono stati sequestrati già diversi immobili, patrimoni aziendali e conti correnti bancari. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − 3 =