Blue Java: il frutto del momento è la banana blu che sa di vaniglia

0
122
Blue Java

Sta facendo tanto parlare di sé Blue Java, la banana che grazie al suo sapore particolarissimo si è guadagnata il nome di “banana-gelato”. (Leggi anche: Kinder presenta a Napoli la sua nuova linea di gelati, arrivano i “Salti di Gioia”) Questo frutto esotico, dalla forma tipica della tradizionale banana ma dal colore blu, sa di vaniglia e ha proprio la consistenza del gelato.

Blue Java: origini e caratteristiche del frutto

Blue Java

Blue Java è una varietà di banane coltivata nelle zone tropicali, soprattutto quelle più vicine all’equatore. Nello specifico è molto diffusa in America Centrale, nella zona di Cenizo, nel Sudest Asiatico, sulle isole Hawaii e Fiji. In base alla sua zona di origine prende nomi diversi: “banana hawaiana”; “Cenizo”; “Krie”; “Ney Mannan”. La Blue Java è in realtà un ibrido triploide di due specie, la Musa balbisiana e la Musa acuminata. La pianta raggiunge in genere un’altezza compresa tra i 4,5 e i 6 metri. Può resistere ai venti forti e a climi davvero rigidi, riuscendo a sopravvivere anche a temperature abbondantemente sotto lo zero. La fase di coltivazione, dalla semina alla produzione della banane, è di 15-24 mesi. La maturazione è di almeno 150 giorni.

Ma come mai è blu? In realtà questa particolare colorazione della buccia, prevalentemente bluastra, ma anche tendente al verde, è visibile solo durante la fase di maturazione del frutto, quando è ancora acerbo. Quando il processo volge al termine diventa del classico colore giallo paglierino. Blue Java è più piccola e meno allungata delle tradizionali banane: in lunghezza misura in genere 18-23 cm.

Leggi anche – Gelati d’Italia, lo speciale record campano nella guida del Gambero Rosso

Mangiare un gelato sbucciando una banana

Blue Java

La cosa più sensazionale di questo frutto è sicuramente il suo sapore, oltre che il suo odore, delicatamente vanigliato. La polpa interna, bianca e cremosa, ha la tipica consistenza di un gelato. Può essere consumata sia fresca, proprio come un dessert, meglio ancora se in abbinamento a un gelato, ma anche cotta, come topping sui pancake o ripieno per torte.

Dove è possibile trovarla? Purtroppo la diffusione in Italia di questa prelibatezza è ancora, è proprio il caso di dirlo, “acerba”, ma il suo boom potrebbe aiutarne la diffusione sui nostri scaffali al supermercato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here