Boiler Summer Cup, la nuova squallida challenge di TikTok

0
320
boiler summer cup

Boiler summer cup – Il web ci ha abituato a svelare molti aspetti della società. Abbiamo “visto” il porta potty, i video di Denis e Manuel Dosio. Trend di Instagram, Twitter, Snapchat e TikTok tra i più disparati. Dai più interessanti e istruttivi ai più folli e squalificanti. Questo è il caso dei video della “Boiler Summer Cup”. Di che si tratta esattamente? Vediamo insieme nel dettaglio. 

Ti consigliamo come approfondimento – Porta Potty Dubai, la moda di farsi c****e in bocca 

Boiler summer cup: che cos’è 

ragazza stuprata colloquio, boiler summer cupLa “Boiler Summer Cup” è una trend challenge molto in voga su TikTok. Il nome “boiler” è evocativo: è puro body shaming delle persone con un fisico non proprio longilineo. Questa challenge prende di mira, in particolare, le ragazze.  

In cosa consiste per l’esattezza? Un ragazzo adesca una giovane, solitamente in discoteca, invitandola a ballare fingendo interesse. Tramite amici compiacenti e complici, il ballo viene ripreso e postato sui social. La ragazza, a causa di qualche chilo di troppo, viene etichettata come “boiler”, cioè come scaldabagno. 

Ma come viene spiegato dall’ideatore della challenge, non basta farsi riprendere con la ragazza. No. “Più è grossa la ragazza che ti fai, più punti prendi”. Questo perché, facendo intendere alla ragazza di essere intenzionato a finirci a letto le faresti un favore. 

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo trend social: “Non aprite il video dei fratelli Dosio” 

Boiler summer cup: silenzi, indignazione e tanto body shaming 

sara bosco processo ragazza morta pompei, tasmania incidente bambini, boiler summer cupA far discutere, insieme alla boiler cup in sé, è l’indifferenza del popolo dei social. Anzi, in certi casi le “risate” sciocche – per non dir altro – di quelli che furono investiti del titolo di “webeti”. Decine, centinaia i commenti di plauso che hanno messo in imbarazzo le ragazze esaltando un gesto profondamente scorretto. Ai limiti del disumano. 

Non sono mancate le polemiche. Poche, in verità, finora. C’è chi, sul social tuona. Come una certa Mousmè che, su Twitter, scrive “A me fate pena, pensate pure che quelle povere madri si so dovute squarciare la f***a o la pancia per farvi uscire”.  

Ma affianco al popolo sparuto degli “indignados” e al grande popolo degli webeti, c’è una landa desolata. Silenzi assordanti, sia da chi ha responsabilità pubbliche che da persone “ordinarie”.  

Ti consigliamo come approfondimento – Affitto ai fuorisede negato per il cognome Le storie di Daniela e Valerio 

Boiler summer cup: quando la disumanità diventa la regola 

rapporti sessuali cyberbullismo stalking violenza sulle donne, donna violentata ascensore, boiler summer cupQuando c’è confidenza, la buona educazione consiglia comunque di tacere. Al massimo, quando si è in momenti goliardici confidenziali qualche battuta può essere tollerabile. Ma, appunto, in confidenza. I social sono pieni di momenti simili documentati, tra amici che “se lo permettono” vicendevolmente.  

Lo vediamo in tutti i contesti: tra omosessuali o amici LGBT ed etero usare il femminile o parole “di base” proibite (come la famigerata f-word). Tra amici e amiche commentarsi vicendevolmente, anche in maniera “spinta”, fisico, corpo, outfit eccetera. E molti altri sono i casi e i contesti, anche noti, in cui due persone si insultano vicendevolmente e si squalificano. Ma solo grazie a una confidenza acquisita e quando sono entrambi a farlo, tra di loro. 

Ma quando questa confidenza manca, c’è solo maleducazione e disumanità. Soprattutto quando il fatto è unidirezionale, con una persona che non si conosce e per motivi idioti. Rendendo gli altri non partecipi di uno scherzo ma vittime di uno scherno. Malevolo, svilente. E infamante per chi lo fa. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 4 =