Bologna: manganellate alla manifestazione pro-Palestina fuori la sede RAI

0
235
Bologna manifestazione Palestina

Bologna manifestazione Palestina finisce con le manganellate contro i manifestanti. Momenti di tensione nei pressi della sede Rai regionale. Gli agenti in tenuta antisommossa caricano il corteo. Bologna come Napoli, Movimento 5 stelle chiede spiegazioni al ministro Piantedosi.

Ti consigliamo come approfondimento- Cariche selvagge contro gli studenti in protesta a Montecitorio

Bologna manifestazione Palestina finisce con le cariche della polizia contro i manifestanti

manifestazione vita, Bologna manifestazione PalestinaBologna manifestazione Palestina finisce con manganellate. Momenti di tensione nei pressi della sede Rai di Bologna durante la manifestazione dei Giovani palestinesi. La prima fila del corteo si sarebbe avvicinata troppo agli agenti in assetto anti sommossa che avrebbero caricato i manifestanti facendo partire le manganellate. Da parte dei manifestanti la reazione è stata altrettanto violenta con il lancio di svariati oggetti dalle retrovie. I manifestanti chiedevano di leggere in televisione un documento intitolato: “Comunicato contro il negazionismo del genocidio in corso, la censura e la narrazione filoisraeliana della Rai”. Poco prima dell’inizio degli scontri un manifestante aveva preso parola al microfono annunciando che la Rai non aveva dato garanzie per leggere integralmente il documento proposto dalla piazza.

Ti consigliamo come approfondimento- Manifestazione Vita 2022, la festa contro i diritti umani: “I gay sono un problema!”

Prima di Bologna la stessa cosa è successa anche a Napoli pochi giorni fa

napoli movida ordinanza, Bologna manifestazione PalestinaPochi giorni fa anche a Napoli le cariche sono arrivate sotto la sede della Rai durante una manifestazione pro Palestina. In quel caso si sono contati in tutto una decina di persone ferite tra manifestanti e agenti. Virali le immagini della ragazza napoletana ricoperta di sangue dopo le cariche delle Forze dell’Ordine. La situazione è stata esacerbata dopo quanto accaduto durante un programma Rai condotto da Mara Venier. L’ambasciatore israeliano avrebbe attaccato il noto cantante Ghali accusandolo di aver sfruttato il palco dell’Ariston per diffondere odio nei confronti di Israele. In quell’occasione l’A.D. Rai ha richiesto alla conduttrice di leggere un comunicato nel quale si prendevano le distanze da quanto detto dal rapper italo-tunisino.

Ti consigliamo come approfondimento- Studenti occupano l’università Orientale di Napoli: sostenere la Palestina

Gli esponenti del Movimento 5 Stelle fanno sentire la propria voce in commissione Vigilanza Rai

Movimento 5 Stelle, Bologna manifestazione Palestina
Dalla pagina Facebook Ufficiale del Movimento

Gli esponenti del M5S in commissione Vigilanza Rai, dopo i fatti di Napoli e Bologna, hanno deciso di far sentire la loro voce. “C’è un malesse che attraversa la società civile e che riguarda le fondamenta della democrazia come la libertà di espressione, di manifestazione e di parola” dicono gli esponenti pentastellati che hanno chiesto un’informativa urgente al ministro Piantedosi che, arrivati a questo punto, ritengono non più procastinabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici + due =