Universitaria no Green Pass cacciata dall’aula. Prof: “Mai vista a lezione”

0
50
universitaria cacciata, napoli professore universitario

A Bologna universitaria cacciata dall’aula perché non in possesso del Green pass. Al suo rifiuto la lezione è stata sospesa generando non poco caos. Dopo le polemiche avvenute in sede e anche sui social dopo il divulgare della notizia, oggi parla la professoressa che era in aula. “Penso fosse la prima volta che veniva al mio corso.”

Ti suggeriamo come approfondimento – No Green Pass, il passaparola su Telegram: sciopero a oltranza dal 15 ottobre

Universitaria cacciata dall’aula: la denuncia della ragazza

universitaria cacciata, No green pass CampaniaL’avvenimento risale a quale giorno fa, ma la notizia continua a fare risonanza sui social. É successo nella sede di Filosofia di Bologna. A denunciare l’accaduto la ragazza stessa. Ha raccontato l’episodio durante la manifestazione No Pass in Piazza Maggiore. “L’infame tessera verde è un ricatto. Gli altri studenti mi hanno minacciata e insultata.” La ragazza di 20 anni secondo il suo racconto era seduta in aula in attesa dell’inizio della lezione. All’arrivo della professoressa del corso e del controllo della certificazione verde tra i ragazzi, la ragazza ha dichiarato di non possederlo. A differenza delle scuole dell’obbligo, dove il Green pass non è obbligatorio per gli studenti, nelle sedi universitarie è diverso. Infatti anche gli studenti ne devono essere obbligatoriamente in possesso. Per questo motivo la professoressa avrebbe invitato la ragazza ad uscire dall’aula. Al rifiuto di quest’ultima la lezione sarebbe stata annullata. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Scuola, niente quarantena in caso di positivo: basterà solo il tampone?

Universitaria cacciata dalla lezione: il racconto della professoressa

universitaria cacciata La ragazza nel suo racconto spiega di essere stata insultata e minacciata dai suoi compagni per il disagio causato. La professoresse però a distanza di un giorno dall’accaduto racconta una vicenda diversa. “Che io abbia visto non c’è stata nessuna aggressione, soltanto uno scambio di opinioni contrastanti. Se fosse avvenuto in aula, chiaramente sarei dovuta intervenire.” La professoressa inoltre racconta come fosse la prima volta che vedeva la ragazza in questione in aula. “Ho riavuto lezione il giorno dopo e la ragazza non si è più presentata. Penso fosse la prima volta che veniva al mio corso, quantomeno in presenza.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − 9 =