Bonus asilo nido 2021: a chi spetta e come presentare la domanda

0
173
Scuola, bonus asilo nido 2021

Bonus asilo nido 2021: come presentare la domanda? La Legge di Bilancio 2021 ha riconfermato per l’anno in corso il bonus asilo nido e il contributo per il supporto presso la propria abitazione per i bambini affetti da gravi patologie. Possono accedere al bonus i genitori di minori, adottati o affidati, nati dal 1° gennaio 2016. L’importo varia a seconda della fascia di reddito ed equivale a un massimo di 3.000 euro in riferimento all’ISEE del minore in corso di validità. Nella domanda bisognerà indicare a quale dei due incentivi accedere.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus affitti, il contributo a fondo perduto esteso a tutti i locatori: ecco a chi spetta

Bonus asilo nido 2021: i requisiti per ottenerlo

Possono fare quindi richiesta del bonus i genitori naturali, adottivi o affidatari, che sostengono il pagamento della retta, di bambini con meno di 3 anni.

 Ma quali sono i requisiti per richiedere l’incentivo?

  • Cittadinanza italiana o di uno stato membro dell’UE;
  • Permesso di soggiorno;
  • Residenza italiana.

La domanda può essere presentata tramite il sito web INPS accedendo con SPID, PIN, Carta d’Identità Elettronica (CIE) e Carta Nazionale dei Servizi (CNS). In alternativa la domanda può essere presentata tramite un patronato. Si può fare richiesta dell’incentivo a partire da fine febbraio 2021 al 31 dicembre 2021, allegando la fattura del pagamento entro il 1° aprile 2022. La domanda dovrà essere compilata specificando:

  • Denominazione e Partita Iva dell’asilo nido;
  • Codice fiscale del minore;
  • Mesi di riferimento;
  • Estremi di pagamento o quietanza di pagamento.

Nel caso in cui si dovesse trattare di un asilo nido privato bisognerà indicare gli estremi dell’atto comunale autorizzato. Inoltre i mesi di frequenza da indicare sono massimo undici. Non sono rimborsabili le mensilità in cui il minore abbia compiuto 3 anni.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus da 40 euro per vaccinatori: accettati anche i pensionati

Contributo per il rimborso presso la propria abitazione: quando spetta?

Estate Ragazzi, graduatorie provinciali, bonus asilo nido 2021L’altro beneficio messo a disposizione dall’Inps è invece il contributo per il rimborso presso la propria abitazione per bambini affetti da gravi patologie. Bisogna presentare, in questo caso, la dichiarazione dell’impossibilità del minore di frequentare l’asilo nido a causa di gravi patologie rilasciata da un pediatra di libera scelta. Può presentare domanda il genitore che convive con il minore.

Il diritto di beneficio decade – in entrambi i casi – per:

  • Perdita di cittadinanza;
  • Decesso del richiedente;
  • Decadenza dell’esercizio della responsabilità genitoriale;
  • Affidamento del minore all’altro genitore o a terzi.
Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus immobili 2021: proroga di tutti gli incentivi fino al 31 dicembre

Bonus asilo nido 2021: entità dell’incentivo

Scuola, bonus asilo nido 2021L’entità del rimborso ammonta a un massimo di 3.000 euro annui e in particolar modo:

  • Fino a 3.000 euro annui per le famiglie con ISEE fino a 25.000 euro
  • Fino a 2.500 euro annui per famiglie con ISEE da 25.000 a 40.000 euro,
  • Fino a 1500 euro annui per famiglie con ISEE oltre 40.000 euro annui o con ISEE non valido.

Inoltre il bonus asilo nido è erogabile mensilmente mentre il rimborso presso la propria abitazione è erogabile una tantum. In ogni caso il rimborso non può superare la retta dell’asilo e non è cumulabile con la detrazione fiscale.

Il beneficio infine può essere erogato tramite:

  • Bonifico domiciliato;
  • Libretto postale o carta prepagata con iban;
  • Iban di banca di area SEPA.

La fattura può essere allegata invece tramite APP “INPS Mobile” o tramite procedura web allegando i documenti di spesa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 5 =