Cashback addio? Arriva il bonus bancomat 2021! Ecco come avere fino a 480 euro

0
392
Bonus bancomat 2021

Il nuovo bonus bancomat 2021 è un contributo economico che verrà erogato a prescindere dal proprio valore ISEE. L’indennizzo è destinato a tutti i lavoratori titolari di Partita IVA. A questi spetterà un triplice contributo sotto forma di credito d’imposta. Il sussidio si divide in tre livelli ed è la diretta conseguenza dell’interruzione del cashback di Stato. Sebbene i due bonus abbiano destinatari differenti, il loro scopo è sempre lo stesso: combattere l’evasione fiscale.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus spesa 2021, fino a 700 euro per le famiglie italiane: ecco come usufruirne

Bonus bancomat 2021: stop al cashback di Stato

Bonus bancomat 2021Con il Decreto Lavoro e Imprese sono state introdotte importanti novità in materia di agevolazione fiscale. I primi a beneficiare degli incentivi sono stati i privati cittadini che, tramite gli acquisti con carta di credito, hanno ricevuto il cashback. Ma con lo stop di quest’ultimo, voluto dal Governo Draghi, i prossimi a ricevere l’incentivo saranno i titolari di Partita Iva. Dal 1° luglio 2021, e fino al 30 giugno 2022, sarà in vigore il bonus bancomat 2021.

L’incentivo si suddivide in tre livelli. Con il primo, i possessori di Partita Iva saranno esentati dal pagamento dei costi di commissione per ogni acquisto effettuato dal cliente tramite carte di credito e bancomat. Il secondo è un rimborso delle spese sostenute e non potrà superare il tetto dei 160 euro. Il terzo è per le spese effettuate in tutto il 2022, utili all’acquisto, noleggio e installazione di nuovi strumenti di pagamento. Questo credito d’imposta può arrivare fino a 320 euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Bonus Tv 2021, 100 euro per passare al nuovo digitale: basteranno per cambiare Tv?

Bonus bancomat 2021: zero costi di commissione

Bonus bancomat 2021Il primo livello del bonus bancomat 2021 prevede il totale azzeramento dei costi di commissione sui POS. Con la precedente normativa, avveniva un rimborso del 30% costi di commissione in caso di pagamento elettronico.

L’ultimo Decreto Lavoro ed Imprese, invece, porta la percentuale fino al 100%. In questo modo, i titolari di Partita Iva sono totalmente esentati dal pagamento dei costi di commissione. La manovra non è mai stata un segreto per Draghi. Il Presidente del Consiglio, infatti, ha sempre mostrato di essere favorevole all’erogazione di sostegni economici alle Partite Iva. Proprio per questo motivo, il Governo ha deciso di bloccare momentaneamente il bonus cashback.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuove regole Green Pass: dal 1° settembre sui mezzi pubblici e nelle scuole

Bonus bancomat 2021: i crediti d’imposta

Bonus bancomat 2021Il secondo dei tre livelli di credito d’imposta fa riferimento al rimborso spese delle attività commerciali. Il periodo di tempo in cui vengono effettuati gli acquisti deve essere compreso tra il 1° luglio 2021 e il 30 giugno 2022. Tutti i costi sono legati all’acquisto, al noleggio e all’istallazione di un dispositivo POS, utile per bancomat e carte elettroniche. L’ammontare massimo a cui avrà diritto il commerciante non potrà superare i 160 euro. La percentuale di rimborso da corrispondere varia in base al fatturato della Partita Iva, presente nella precedente dichiarazione dei redditi. Con un fatturato fino a 200.000 euro, si potrà godere del 70% di rimborso. Tra i 200.000,01 ed un milione di euro, la percentuale è del 40%. Per un fatturato compreso tra 1 e 5 milioni, la percentuale è del 10%. Oltre i 5 milioni, non si potrà fruire di questo credito d’imposta.

Il terzo livello coprirà tutte le spese sostenute del 2022 per l’acquisto, noleggio e installazione di strumenti di pagamento più evoluti. Questi ultimi saranno utili anche per l’archivio e l’invio automatico di informazioni. In questo caso, il tetto massimo del bonus è di 320 euro e varierà, come il precedente, in base all’ultimo fatturato della Partita Iva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × tre =