Bonus immobili 2021: proroga di tutti gli incentivi fino al 31 dicembre

0
302
Bonus immobili 2021

Bonus immobili 2021: ancora buone notizie per tutti coloro che vogliono migliorare la propria abitazione. Il 2021 infatti porta con sé numerosi incentivi. A confermarlo è stata la nuova Legge di Bilancio che ha prorogato molte agevolazioni previste nelle precedenti manovre. Tante sono le tipologie di aiuti promossi, vantaggiosi per gli interessati ai lavori e incoraggianti per l’intero settore edilizio. Di seguito, una panoramica di tutti gli incentivi relativi ai vari interventi.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus da 40 euro per vaccinatori: accettati anche i pensionati

Bonus immobili 2021: bonus casa e bonus mobili

Bonus immobili 2021Il bonus casa è l’agevolazione relativa alle ristrutturazioni edilizie su immobili residenziali. Prevede una detrazione del 50%, da ripartire in 10 quote annuali, su una spesa massima di 96.000 euro per unità immobiliare. I principali interventi possibili sono:

  • Interventi di manutenzione straordinaria (per le parti comuni degli edifici anche ordinaria);
  • Restauro e risanamento conservativo;
  • Ristrutturazione edilizia;
  • Eliminazione di barriere architettoniche;
  • Bonifica amianto;
  • Interventi per prevenire atti illeciti;
  • Cablatura edifici;
  • Risparmio energetico;
  • Interventi di sostituzione del gruppo elettrogeno di emergenza con generatori a gas di ultima generazione.

Anche il bonus mobili consiste in una detrazione del 50%, anch’essa da suddividere in 10 quote annuali, su una spesa massima, però, di 16.000 euro. Il bonus consente l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di un immobile oggetto di ristrutturazione.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus università 2021, 2000 euro per gli studenti: ecco come ottenerli

Bonus immobili 2021: ecobonus e sismabonus

Bonus immobili 2021L’ecobonus riguarda interventi finalizzati all’efficientamento energetico di singole unità immobiliari oppure parti comuni degli edifici condominiali. Nel primo caso la detrazione va dal 50% al 65% (in 10 quote annuali) con tetti di spesa variabili a seconda dell’intervento. Nel secondo caso, invece, va dal 70% al 75% (in 10 quote annuali) su un tetto massimo di spesa di 40.000 euro per unità immobiliare.

Il sismabonus riguarda interventi antisismici su edifici adibiti ad abitazione o ad attività produttive ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3. La detrazione può oscillare dal 50% all’85% (in 5 quote annuali) su una spesa massima di 96.000 euro per unità immobiliare.

È previsto anche l’eco-sismabonus, che riguarda interventi combinati per la riduzione del rischio sismico e per il risparmio energetico sulle parti comuni di edifici ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3. Qui, l’agevolazione fiscale va dall’80% all’85% (in 10 quote annuali) su 136.000 euro di spesa massima per unità immobiliare.

Sono previsti inoltre anche il bonus facciate, il superecobonus e il supersismabonus con agevolazioni e tempistiche molto più vantaggiose.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bonus affitti, il contributo a fondo perduto esteso a tutti i locatori

Bonus immobili 2021: bonus verde, bonus idrico e bonus colonnine

bonus immobili 2021Il bonus verde riguarda interventi relativi alla “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e la realizzazione di pozzi, coperture a verde e giardini pensili. La detrazione è del 36% su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare.

Il bonus idrico è riservato a persone fisiche residenti ed è relativo a interventi di sostituzione vasi sanitari di ceramica, soffioni doccia (et similia), con nuovi apparecchi a scarico ridotto. Si tratta di un’agevolazione una tantum su un tetto massimo di 1.000 euro.

Il bonus colonnine riguarda invece la realizzazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici. La percentuale della detrazione è del 50% (da ripartire sempre in 10 quote annuali) su 3.000 euro di spesa massima.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 + dodici =