Bonus mobili ed elettrodomestici: ecco tutte le novità per il 2021

0
806
Bonus immobili 2021

Bonus mobili elettrodomestici: buone notizie per tutti coloro che vogliono migliorare la propria abitazione. Lo ha confermato la legge di Bilancio, approvata definitivamente al Senato lo scorso 30 dicembre. Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga) per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. La novità del 2021 è l’elevamento del tetto massimo della spesa complessiva a 16.000 euro (in precedenza, era di 10.000).

Ti consigliamo come approfondimento – Aumento revisione auto, col nuovo anno il costo salirà del 18%

Bonus mobili elettrodomestici: cos’è

Bonus mobili elettrodomesticiIl bonus consiste in una detrazione fiscale che si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi persone fisiche).

Essa è calcolata su un ammontare massimo di 10.000 euro (16.000 per il 2021) di spesa complessiva per l’acquisto di nuovi mobili e elettrodomestici, comprese eventuali spese di trasporto e montaggio. La detrazione sarà ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Ti consigliamo come approfondimento – Comune Napoli: arriva il bonus spesa per le famiglie in difficoltà

Bonus mobili elettrodomestici: chi può richiederlo?

Bonus mobili elettrodomestici
Bonus mobili elettrodomestici

Secondo quanto si può leggere sul sito dell’Agenzia delle Entrate, può usufruire del bonus “chi acquista mobili ed elettrodomestici nuovi nel 2021 e ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio 2020”.

Per avere l’agevolazione è indispensabile, quindi, realizzare una ristrutturazione edilizia sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici (sempre residenziali). Inoltre, il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari avrà diritto al beneficio più volte. Il tetto massimo di spesa complessiva, infatti, va riferito a ciascuna unità abitativa.

Bonus mobili elettrodomestici: gli acquisti possibili

Bonus mobili elettrodomesticiDi seguito, degli esempi di mobili e elettrodomestici per l’acquisto dei quali è possibile ottenere la detrazione.

  • Mobili: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione. (Sono esclusi porte, pavimentazioni, tende e tendaggi e altri complementi d’arredo; è comunque agevolato l’acquisto per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo).
  • Grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.
Ti consigliamo questo approfondimento – Art Bonus i cittadini salvano la cultura, donazioni oltre 500 milioni di euro

Bonus mobili elettrodomestici: come fare per ottenerlo

Bonus mobili elettrodomesticiL’indicazione degli importi di spese nella dichiarazione dei redditi costituisce condizione necessaria per la richiesta del bonus. Tuttavia da sola non è sufficiente al suo ottenimento. È necessario, infatti, che siano rispettate una serie di condizioni.

Innanzitutto, è necessario effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate. In questo caso, però, occorre che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e che il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.
Inoltre, bisognerà trasmettere la comunicazione ENEA per l’acquisto di elettrodomestici.
Chi intende richiedere il bonus, inoltre, deve aver cura di conservare i seguenti documenti:

  • Ricevuta del bonifico;
  • Ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito);
  • Documentazione di addebito sul conto corrente;
  • Fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + 15 =