Bonus Tv 2019: ecco a chi spetta e come ottenerlo

0
137
bonus tv

Entro il 1° luglio 2022 chi ha un televisore datato dovrà cambiarlo per allinearsi con il digitale terrestre di seconda generazione. Proprio in vista dello switch-off del 2022 del nuovo sistema digitale DVB-T2, sta per iniziare la corsa al “Bonus Tv“. Si tratta di un incentivo statale riconosciuto ai consumatori per il ricambio di televisori e decoder. Al fine di facilitare tale passaggio, la nuova Legge di Stabilità prevede la destinazione di 25 milioni all’anno per il triennio 2019-2022 alle famiglie italiane.

Ti consigliamo come approfondimento – Digitale terrestre 2.0: nuove spese in arrivo per Tv e decoder!

Cos’è il bonus tv?

IPTV bonus tvIl bonus tv consiste in uno sconto sul prezzo di vendita. Sarà praticato dai rivenditori per coprire in parte il costo della spesa che dovranno sostenere i cittadini per acquistare un nuovo televisore o un decoder. Tale spesa è in funzione del necessario adeguamento al nuovo digitale terrestre di seconda generazione. Questo passaggio diventerà realtà, come anticipato prima, il 1° luglio 2022. Chi non ha un televisore adeguato sarà costretto a cambiarlo o in alternativa ad acquistare un nuovo decoder.

Il bonus sarà riservato a coloro che fanno parte di una determinata fascia di reddito. L’incentivo infatti spetta ai cittadini con:

  • Isee fascia 1 (reddito fino a 10.632,94 euro annui);
  • Isee fascia 2 (reddito fino a 21.256,87 euro annui).

In altre parole, gli aventi diritto sono coloro che rientrano nelle cosiddette fasce deboli. Il valore massimo del contributo sarà di 50 euro. Sarà possibile richiederlo per un solo componente del nucleo familiare. Infatti, si potrà acquistare solo una televisione o un decoder a nucleo.

Ti consigliamo come approfondimento – Disney e il lavoro dei sogni: l’azienda paga per guardare i suoi film

Quando sarà possibile usufruire del bonus?

stranger things bonus tvSecondo quanto riferito dalla portavoce del M5S in Commissione Trasporti alla Camera dei Deputati, Elisabetta Barbuto, il decreto del Ministero dell’Economia “che definisce le tempistiche, i criteri di accesso e l’erogazione dei contributi” sarebbe già pronto e firmato.

Questo permetterà di far partire l’erogazione dei voucher per la fine del mese di novembre o agli inizi di dicembre 2019.

Ti consigliamo come approfondimento – Netflix e Sky, c’è l’accordo: cosa cambia nel mondo dello streaming italiano

Chi dovrà cambiare il televisore?

IPTV bonus tv

Per capire chi dovrà cambiare il vecchio televisore, acquistandone uno nuovo, bisogna considerare quando si è acquistato l’apparecchio.

  • Se il televisore è stato acquistato prima del 1 luglio 2016 non è detto che sia già dotato della tecnologia DVB-T2. In questo caso è necessario acquistare una nuova tv o in alternativa un nuovo decoder;
  • Se invece il televisore è stato acquistato dopo l’1 gennaio 2017, dovrebbe essere già dotato della suddetta tecnologia. Da tale data infatti è scattato l’obbligo per i negozianti di vendere solo televisori già provvisti di DVB-T2 o quantomeno abbinarli a un decoder compatibile.

Ad ogni modo per evitare truffe è sempre meglio verificare personalmente. Basterà controllare sulle specifiche tecniche, se il televisore è dotato dello standard DVB-T2 e del più recente codec H265/HEVC.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here