Bomba molotov contro centro vaccinale: Carabinieri aprono un’indagine

0
212
Brescia bomba incendiaria
Dal profilo Facebook dell'assessore al Bilancio e alla Finanza della Regione Lombardia Davide Caparini

A Brescia bomba incendiaria contro l’hub vaccinale. É successo nelle prime ore del mattino. Due bottiglie molotov sono state lanciate contro la struttura. Sul posto sono presenti Vigili del Fuoco, Carabinieri nonché la polizia locale. I danni sembrano essere limitati e fortunatamente non ci sono feriti. 

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, De Magistris firma la nuova ordinanza: ecco i divieti

Brescia bomba incendiaria: cosa è successo 

Brescia bomba incendiaria
Dal sito dei Carabinieri di Brescia

É successo alle 6 di questa mattina. Il centro era ancora chiuso al pubblico e il personale sanitario era esiguo. Ignoti non ancora identificati hanno lanciato due bombe incendiarie contro la struttura. Una non ha colpito l’obbiettivo scagliandosi sul suolo. L’altra invece è riuscita a sfondare uno dei tendoni. La tecnostruttura colpita era utilizzata come sala mensa dagli operatori sanitari. Nessuno era presente al suo interno. Fortunatamente nella zona colpita non vi erano nemmeno materiali sanitari di alcun genere. Nessun vaccino è stato quindi distrutto o danneggiato durante la vicenda. Le vaccinazioni previste per la giornata di oggi sono state momentaneamente interrotte, in attesa che le forze dell’ordine termino i primi accertamenti. 

Ti consigliamo come approfondimento – Morra blitz al centro vaccini: urlava per parenti fidanzata. Rischio dimissioni

Brescia bomba incendiaria: le indagini 

allievi carabinieri campana, Brescia bomba incendiaria L’hub vaccinale in quesitone si trova in via Morelli. É stato aperto grazie ad un raccolta fondi AiutiAMO Brescia. Sul posto le forze dell’ordine hanno iniziato le indagini. Al momento la Scientifica dell’Arma sta svolgendo gli accertamenti sul campo. La ricostruzione sarà anche favorita dalle telecamere presenti sul posto. Un episodio tristemente simile a quello accaduto un mese fa al Istituto Superiore di Sanità, quando ignoti hanno incendiato il cancello della struttura. Anche in quell’occasione non ci furono fortunatamente feriti. Si tratta di attacchi intimidatori contro quelli che sono diventati in quest’anno i simboli di speranza per poter realmente uscire da questa pandemia. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

9 − sette =