Litigano per il nome da dare al bambino: padre incendia furgone della suocera!

0
578
Brusciano lite famiglia

Brusciano lite famiglia sul nome del nascituro porta alla denuncia di un 22enne. Questa singolare vicenda pone i riflettori su una tradizione che ancora resiste nel Sud Italia, specie in Campania. Qui, è ancora consuetudine chiamare i bambini – in particolare quelli di sesso maschile – come il nonno paterno. Tuttavia, la moglie e la suocera del 22enne protagonista di questa storia avevano pensato ad altro. Volevano per il bambino un nome che sembrasse meno antiquato. Questo ha scatenando l’ira del padre.

Ti consigliamo come approfondimento – Truffa “man in the middle”, le vittime sono le aziende: già rubati 45 mila euro a due attività

Brusciano lite famiglia: il motivo della lite

Bonus famiglia, Brusciano lite famigliaSituato nell’area nord-orientale del capoluogo campano, il comune di Brusciano è stato teatro di una vicenda alquanto sopra le righe, tanto da essere ripresa dal Corriere del Mezzogiorno. Infatti, la vicenda ruota tutto intorno al nome da dare a un bimbo appena nato. Come si evince, il neo papà desiderava – arrivando, forse, a pretenderlo – che il nome del suo primogenito fosse come quello del nonno: Felice. Di tutt’altra opinione erano moglie e la suocera.
Le donne avevano pensato per il nascituro qualcosa di meno antiquato, generando così la rabbia del padre.

Ti consigliamo come approfondimento – Bari, inaugurata la nuova sede Atos: già 130 assunzioni, l’obbiettivo è arrivare a 400 entro fine anno

Brusciano lite famiglia: il rogo

Brusciano lite famigliaQuindi, vi era questa situazione non risolta che serpeggiava tra i membri della famiglia. Condizione che, sempre secondo quanto riferisce il quotidiano, avrebbe posto le basi su quanto è accaduto in seguito.
Il 22enne pare che abbia intravisto la suocera e le avrebbe intimato di accettare il nome da lui scelto; in caso contrario le avrebbe incendiato il furgone. Pare che la donna non si sia fatta intimidire, visto e considerato la fine che ha fatto il furgone qualche ora dopo: distrutto in un incendio.
Tra le fiamme pare che sia finito anche l’auto di una casalinga, la cui unica colpa era quella di essere parcheggiata a pochi passi.
I Carabinieri della stazione di Brusciano hanno immediatamente svolto le indagini dovute. Il 22enne dovrà rispondere di danneggiamento seguito da incendio.

Ti consigliamo come approfondimento – Nomi vietati per bambini: cosa dice la legge in Italia?

La tradizione del nome: il Leitname

bimbo morto torino matias bimbo ucciso, tasmania incidente bambiniTale usanza, anche conosciuta con il termine di Leitname, ha una storia antica. Tale tradizione vuole che a essere tramandato – specie nei primogeniti – sia il nome del nonno paterno. Talvolta scelto convintamente, altre per una sorta di imposizione tacita per non offendere nessuno, la scelta del nome per il primogenito è una tradizione che ancora tiene banco nelle regioni del Sud Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − 17 =