Il corpo emerso dal Fiume Po è di Isabella Noventa o di Samira El Attar?

0
203
Cadavere borsone ritrovato

Cadavere borsone ritrovato sull’argine del fiume Po: il cadavere fatto a pezzi e dentro un borsone è affiorato dal fiume nella serata di ieri. Il ritrovamento è avvenuto Santa Maria Maddalena di Occhiobello, in provincia di Rovigo. Si pensa che possa essere il cadavere di Isabella Noventa o Samira El Attar, due donne scomparse da tempo.

Ti consigliamo come approfondimento-Brescia, il corpo fatto a pezzi e congelato è di un’attrice hard

Cadavere borsone ritrovato sull’argine del fiume Po

madre uccide figlie trovata borsaNella serata di ieri dal fiume Po è affiorato un borsone all’interno del quale vi erano il cadavere di una donna fatta a pezzi. Il ritrovamento è avvenuto all’altezza del Parco di viale dei Nati, a Santa Maria Maddalena di Occhiobello, in provincia di Rovigo. Il borsone in cui è stato trovato il cadavere è stato avvistato da un operaio che lavorava lungo l’argine del fiume Po. L’operaio ha immediatamente chiamato i Carabinieri che sono giunti sul posto. La zona è stata recintata e con l’aiuto del Reparto Investigativo Scientifico di Venezia sono stati effettuati i primi controlli. Le indagini dei Carabinieri sono ancora in corso e non si esclude nessuna pista in merito. Secondo indiscrezioni il cadavere potrebbe appartenere a Isabella Noventa o a Samira El Attar, due donne scomparse da tempo. Infatti, la prima è scomparsa dal 2016 e la seconda dal 2019.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, donna uccisa e fatta a pezzi: trovate altre parti del corpo con drone

Cadavere borsone ritrovato: si tratta di Isabella Noventa?

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robotLa scomparsa di Isabella Noventa è avvenuto tra la notte del 15 e il 16 gennaio del 2015 a Noventa Padovana. Secondo alcune indiscrezioni la donna sarebbe stata attirata a casa dell’ex fidanzato, Freddy Sorgato, e dalla sorella, Deborah. La donna sarebbe stata colpita con un martello alla testa e poi soffocata con una busta di plastica. Il cadavere poi secondo le indagini non è mai stato ritrovato. Le indagini sono continuate e hanno portato alla sentenza per i probabili colpevoli. Infatti, la Corte di Cassazione ha condannato a 30 anni per omicidio premeditato e distruzione di cadavere Freddy Sorgato e la sorella Deborah.

Ti consigliamo come approfondimento-Violenza sulle donne, nasce la “Stanza tutta per sè” nel Napoletano

Cadavere borsone ritrovato: si tratta di Samira El Attar?

scuola ponte morandiSamira El Attar, invece, è scomparsa il 21 ottobre 2019 dopo aver accompagnato la figlia di 5 anni a scuola. Secondo le indagini la donna venne uccisa dal marito. Infatti, la Corte d’Assise lo ha condannato all’ergastolo con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Inoltre, all’uomo, Mohamed Barbri, è stata tolta anche la patri potestà della figlia, che è stata affidata ad una zia. Il corpo della donna ovviamente non è mai stato ritrovato. Le accuse nei confronti dell’uomo si fecero più insistenti dopo che consegnò uno stivaletto della moglie agli inquirenti. Tale stivaletto, secondo il marito, venne ritrovato a pochi chilometri da casa vicino ad un fossato. Le indagini sono continuate e hanno portato alla condanna dell’uomo. Ci si chiede adesso se si tratti di una delle due donne oppure di un altro efferato femminicidio. Si avranno notizie più attendibili dopo l’autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto + 2 =