Cadavere nel Po: spunta l’ipotesi di una ragazza scomparsa ad Ancona

0
305
Cadavere Po nuova ipotesi

Cadavere Po nuova ipotesi: continuano le ipotesi sulle credenziali del cadavere ritrovato nel fiume Po. Dopo Isabella Noventa, Samira El Attar, si pensa sia Andreea Rabciuc, ragazza scomparsa 27 giorni fa ad Ancona. Le ipotesi saranno confermate o respinte dall’autopsia.

Ti consigliamo come approfondimento-Il corpo emerso dal Fiume Po è di Isabella Noventa o di Samira El Attar?

Cadavere Po nuova ipotesi: ragazza scomparsa di Ancona

Cadavere borsone ritrovatoIl cadavere ritrovato nel Fiume Po in un borsone non ha ancora un nome. Dopo le ipotesi riguardanti Isabella Noventa, Samira EL Attar e anche Saman Abbas, spunta un altro nome. Secondo le ultime indiscrezioni potrebbe appartenere ad Andreea Rabciuc, una ragazza di 27 anni. La ragazza sarebbe scomparsa da 27 giorni dalla provincia di Ancona. L’età, l’altezza e lo stato di decomposizione del cadavere potrebbero coincidere, ma si attendono conferme dall’autopsia. Inoltre, secondo indiscrezioni, la ragazza avrebbe diversi tatuaggi che sul cadavere non sono stati rinvenuti. Ma ovviamente le Forze dell’Ordine non sono in grado di escludere alcuna pista. Si attende nelle prossime ore l’autopsia che potrebbe confermare o meno le ipotesi in campo.

Ti consigliamo come approfondimento-Brescia, il corpo fatto a pezzi e congelato è di un’attrice hard

Cadavere Po nuova ipotesi: scartate le altre ipotesi

allievi carabinieri campana, pomigliano d'arco operaio mortoI Carabinieri dai primi rilevamenti sul cadavere hanno scartato le prime ipotesi. Infatti, il cadavere non appartiene né a Isabella Noventa né a Samira El Attar. Dalle prime indiscrezioni si sa che il corpo appartiene giovane donna, tra i 25 e i 30 anni, di carnagione bianca, morta al massimo due settimane fa. Nel frattempo, la Procura ha aperto un fascicolo d’inchiesta contro ignoti per omicidio volontario ed occultamento di cadavere. Si attende l’esame del Dna sul cadavere e sulla borsa contenente il corpo senza vita. Il borsone venne trovato lunedì da alcuni operai dell’Aipo, agenzia interregionale per il Fiume Po. L’operaio che ha trovato il cadavere ha detto: “Mi sono avvicinato, ho visto la pelle e ho subito chiamato i Carabinieri. Sono arrivati dieci muniti dopo. La pelle era già diventata giallognola. Fuoriuscivano una maglietta e un maglione con le paillettes”.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, donna uccisa e fatta a pezzi: trovate altre parti del corpo con drone

Cadavere Po nuova ipotesi: riconducibile al mondo della prostituzione

Legalizzazione prostituzione
Trento Today

Tra le altre ipotesi si pensa che l’omicidio possa essere ricondotto al mondo della prostituzione. Tale ipotesi è dettata dal fatto che nessuno ha ancora recriminato l’assenza della ragazza. Si tratterebbe quindi di donne senza documenti, sfruttate e tenute in schiavitù. Quelle povere ragazza provenienti principalmente dall’Est Europa con la promessa di essere libere. Si parla di una libertà che, sfortunatamente, per un motivo o per un altro non ottengono mai. Un tale efferato omicidio potrebbe essere stato causato un impeto punito a seguito di una ribellione. Si tratterebbe dell’ennesima uccisione di una donna ritenuta un oggetto in proprio possesso, una proprietà e non un essere umano. L’area sotto inchiesta da parte degli inquirenti sarebbe davvero molto ampia. Infatti, le indagini riguardano tre regioni, tra le più estese d’Italia, ossia Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 4 =