Calabria ragazza scomparsa, trovata legata con il filo spinato ad una recinzione

0
1294
genovese accuse, calabria ragazza scomparsa

Calabria ragazza scomparsa. Trovata la 22enne di cui si erano perse le tracce a Cosenza. La giovane era legata ad una recinzione con del filo spinato. Ritrovata non lontano dalla sa abitazione. Aperte le indagini per chiarire la dinamica dei fatti. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Maltempo danni Sud in ginocchio: tettoia vola in autostrada A2. Virali i video girati nella notte

Calabria ragazza scomparsa: l’appello e le ricerche 

Calabria ragazza scomparsa, imprenditore stupra ragazzaSi chiama Pina Sidero, la 23enne che sarebbe scomparsa nel nulla meno di 48 ore fa dal comune di Corigliano Rossano in provincia di Cosenza. Secondo l’appello della famiglia, la giovane si è allontanata da casa intorno circa alle 19 di martedì per andare a passeggiare nella campagna circostante l’abitazione. Secondo le testimonianze della famiglia la 23enne sarebbe uscita in ciabatte, segno che non voleva allontanarsi troppo. Sin da subito la macchina dei soccorsi si è avviata. Con un appello sui social diversi volontari hanno avviato le ricerche in accordo con le Forze dell’Ordine. Per 48 ore le ricerche sono state inutili facendo presagire il peggio. Questa notte però la ragazza è stata ritrovata vicino casa. In una zona che era già stata controllata alcune ore prima. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Mamma denunciata per aver tolto tablet e telefono alla figlia: farà lavori socialmente utili

Calabria ragazza scomparsa: il ritrovamento vicino casa

ragazza morta parco, Calabria ragazza scomparsa La 23enne è stata ritrovata a circa 100 metri dalla sua abitazione. La zona era già stata ambiente controllata nelle 48 ore precedenti. L’ipotesi più plausibile è che il rapitore l’abbia sposata nelle ore notturne in cui i soccorsi si erano fermati. La giovane è stata trovata legata con un fil di ferro ad una recinzione di metallo. Incosciente, ma dalle condizioni stabili è stata trasportata al Pronto Soccorso per dei controlli. Dai primi aggiornamenti non sembrerebbe aver riportato ferite esterne gravi. Ancora sotto shock è stata raggiunta dalle Forze dell’Ordine che hanno avviato le indagini. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Antonio, morto cadendo a 40 anni nel pozzo, forse è omicidio: procura apre indagine

Calabria ragazza scomparsa: aperte indagini per trovare il rapitore 

calabria ragazza scomparsa Dalle prime indagini sembrerebbe che la ragazza in passato abbia ricevuto biglietti con minacce. Non è stato condiviso ancora a cosa alludessero tali bigliettini. La ragazza è stata descritta come una giovane molto riservata che vive con madre e sorella dopo il divorzio dei genitori. Raggiunta da alcuni agenti sono iniziate le domande da parte del pm per delineare la dinamica dell’accaduto. La 23enne sarebbe ancora molto provata e confusa, ma sta collaborando con le Forze dell’Ordine. Non è chiaro se la giovane abbia visto in faccia il suo aggressore o sei sia stata drogata durante le 48 ore di rapimento.