Calcio, scioperano le giocatrici: la Serie A femminile nel caos

0
465
sport

L’uguaglianza tra i sessi passa anche, e forse soprattutto, attraverso gli stessi riconoscimenti. A partire dallo sport.
Per questo, quanto accaduto nel calcio femminile nelle ultime ore desta stupore e rischia di creare un’eco piuttosto vasta nella società.

Il calcio femminile sciopera

In estrema sintesi è ciò che sta accadendo adesso, ma sono i motivi a stimolare diverse riflessioni. Questi i fatti: dopo anni in cui il calcio femminile in toto era stato accorpato alla LND, (Lega Nazionale Dilettanti) il 3 maggio scorso è arrivata la delibera del commissario straordinario Figc, Roberto Fabbricini, con una novità molto importante. Si stabiliva il passaggio dei campionati di Serie A e B femminili sotto il controllo diretto della FIGC. Ai Dilettanti restavano le sole attività di promozione e organizzazione a livello territoriale. Il cambio era stato accolto dal movimento femminile con favore unanime. Ma la LND non ci sta: ha presentato ricorso alla Corte Federale d’Appello e l’ha vinto.

Tutto il movimento del calcio femminile, contrario a quello che considera un enorme passo indietro nello sviluppo della categoria, ha deciso di scioperare in maniera unanime finché non si sarà trovato un accordo.
È a rischio l’inizio dei prossimi campionati di A e B di calcio femminile. Ma soprattutto è in bilico la partecipazione dell’Italia ai Campionati del Mondo di categoria.

Calcio femminile: un’attenzione meritata

E qui arriviamo alle note insieme felici e dolenti. Negli ultimi anni il calcio femminile ha avuto un enorme sviluppo. Questo è testimoniato sia dai risultati (come la meritatissima partecipazione al prossimo Mondiale, a differenza di quanto accaduto alla controparte maschile) sia dall’attenzione dei grandi club. Ormai buona parte della Serie A porta avanti la propria squadra femminile, con Milan e Juventus come ultime arrivate nel movimento.

Ma lo stop ai campionati di categoria, (calcio d’inizio il 15 settembre) potrebbe far slittare l’inizio della Serie A femminile facendo scontrare le date del campionato con quelle dei mondiali faticosamente sudati. Nei prossimi giorni si dovrà trovare un accordo tra FIGC e LND per il bene di tutta la categoria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here